mercoledì 13 novembre 2013

The Sanctuary of Truth - Prasat Satchatham





Sono indisciplinata, non faccio mai i "compiti", mi ero riproposta di aggiornare con maggiore frequenza, ma come al solito mi son persa, persa nei miei pensieri che si arrotolano sempre e solo su loro stessi, persa nel solito dilemma "è proprio questo che voglio per i miei figli", persa e confusa nelle pagine dei quotidiani "pattayaesi" che quasi ogni giorno hanno in prima pagina minori violati, sparatorie, suicidi e storie varie di miseria umana.




Passeggiando per questa "atipica" città che ci ospita abbiamo scoperto un angolo mistico, un colpo al cuore, la bellezza Tahilandese che tutti si aspettano, quella che ci promettono le guide turistiche.






Un tempio in divenire, un tempio che vuole rappresentare l'armonia e l'equilibrio.

All'interno sono rappresentati i sette elementi creatori: cielo, terra, Padre, Madre, luna, sole e stelle. 
All'esterno sono rappresentati quattro elementi legati all'uomo: la  religione, la vita, la filosofia immortale, la pace. 

Non è rappresentata nessuna religione in particolare ma un'insieme di simbolismi che sono comuni a più religioni, il santuario della verità ci invita a ragionare sul potere della bellezza, sul potere della forza dell'animo umano, sul Karma che dovremmo riuscire a costruirci giorno dopo giorno proprio come questo Tempio.

In continua costruzione dal 1981, impiega più di trecento artisti provenienti da tutto il sudest asiatico, The Sanctuary of Truth, dono di un miliardario Thailandese alla città di Pattaya, mi è sembrata significativa la scelta della location, scegliere una Sodoma per costruirci qualcosa di così bello mi è sembrato un atto di fiducia estrema nell'essere umano, l'arte è bellezza, l'essere umano è bellezza purtroppo spesso ci perdiamo nel nostro libero arbitrio ma possiamo sempre riscattarci attraverso l'arte e la bellezza, e se solo una persona camminando nel parco o guardando le sculture lignee del santuario si è ritrovato, ha ritrovato l'uomo, l'essere creato da Dio....qualunque Dio....ne è di certo valsa la pena.





Vi linko un articolo di La Repubblica Viaggi che spiega bene la storia di questa "Sagrada Familia" Thailandese. La prossima volta "La Krabi (finchè dura) senza turisti".


3 commenti:

  1. La struttura delle costruzioni è davvero spettacolare...

    RispondiElimina
  2. La struttura delle costruzioni è davvero spettacolare...

    RispondiElimina
  3. Che luogo incredibile!
    E appoggio pienamente il pensiero che l'arte sia bellezza allo stato più puro! (se l'avessi pensata diversamente, non sarei mai diventata una storica dell'arte evidentementte...)

    RispondiElimina