lunedì 26 agosto 2013

Prime notizie dallaThailandia

Ed eccoci qui.
Da 10 giorni nella terra del sorriso.
Thailandia....Kingdom of Thailand.
Con ancora montagne di scatoloni da sistemare e senza armadi per farlo.
Piano, piano...lentamente stiamo cercando di ricreare un nuovo nido ma per il momento gli scatoloni fanno ancora da armadio.




So che state immaginando Palme, mare cristallino e spiagge bianchissime...so che state pensando ma guarda questi che culo in che posti li mandano a lavorare.

Le palme ed i cocchi ci sono, ma eliminate il mare cristallino (guardate bene la foto sopra neanche a bibione l'acqua a quel colore) e pure le spiagge bianche.

I sorrisi ci sono, le persone sono carine e cortesi...ma facciamo un pò il punto della situazione.

Pattaya è una città nota ai più per il turismo sessuale (fin dalla guerra del Vietnam), ci sono anche in giro delle famiglie russe ma non ho ben capito cosa vengano a fare (chirurgia estetica a basso costo? bho), ci sono molti pensionati stranieri accompagnati a delle ragazze locali perchè la vita qui costa veramente poco e con la pensione ci si sbarca bene il lunario e ti ritrovi magari con una ragazza in bikini che ti gira per casa...niente ci fai perchè parliamo di pensionati molto agè (i pannoloni per adulti sono una cosa molto venduta) ma invece della badante rumena o moldava che ti beccavi in Italia, qui puoi averla molto più carina ed a un prezzo minore.

Ragionamento che non fa una grinza.

Pattaya in questi dieci giorni mi è sembrata supercaotica, scomodissima per gli spostamenti, e lontana anni luce dalla vita cinese....certo c'è sempre il sole e l'aria si può respirare, ma tutte le comodità (metro, autobus, taxi e piste ciclabili) a cui mi aveva abituato la Cina mancano molto,non poter usare la bici e dover guidare a sinistra un motorino sgangherato in strade piene di altri sgangherati motorini, suv e autobus non è proprio semplice.

La città è fornitissima di tutto, i supermercati sono molto a misura di occidentale e i ristoranti hanno un rapporto qualità prezzo veramente fantastico....per il resto è tutto lontano, abitiamo in un villaggio molto carino con la piscina e le orchidee, una gabbietta dorata a misura di straniero....fuori di qui il nulla campagna e palme, qualche mercato e moltissimi cani randagi, per arrivare alla "civiltà" devo guidare in strade caotiche ed a sinistra per almeno 20/30 minuti....ma mi dicono che siamo in bassa stagione, non oso pensare la alta.

Sarà certo questione di abitudine, ci farò l'occhio e sfreccerò infilandomi tra suv, motorini, cani randagi e autobus.

La spiaggia di Pattaya fa schifo.....mettiamo un punto fermo su questa cosa, stamattina c'era pure un topo morto tutto gonfio che io avevo tropicalmente e romanticamente scambiato per un pesce palla spiaggiato, mentre saltellavo verso la povera bestiola che ritenevo pesce ho notato una coda e mi sono accorta che era non pesce ma ratto "zoccola di fogna" sarebbe la defiinizione precisa...la spiaggia di Pattaya fa schifo...non conosco bene il territorio ma non temo smentite su questo punto.

Non si viene a Pattaya per il mare.

Mio figlio descrivendo la città ad un suo amico su Skype l'ha definita:

" Is the city where ugly people come to have sexy times...".





I due adolescenti sono ancora un pò spaesati l'adolescente femmina vuole portarsi a casa ogni scrondo di cane randagio che troviamo per strada, farsi i capelli rasta, appendere ovunque campane a vento e dormire sull'amaca in giardino ascoltando il miagolio dei gechi.

L'adolescente maschio (e con gli ormoni impazziti), ha deciso che nella vita vuole fare il "pole designer" (progettista di pali per la lap dance) dice che c'è bisogno di innovazione e che il mercato da queste parti è fiorente, inoltre vuole attaccarsi sulla porta della camera una targa con questa dicitura.

"Thank you, please come again!"

Sì...esattamente come l'indiano 7eleven dei Simpson, che per essere la stanza di un "pole designer" non mi sembra proprio elegante, diciamo che ho stroncato sul nascere le sue velleità imprenditoriali e da domani si torna a scuola a cercar di fare qualcosa di serio.


Ecco più o meno siamo messi così...Vi aggiorno.


Un pò di foto le trovate su Istagram le altre le metterò insieme presto.  






20 commenti:

  1. proprio stamattina son venuta a vedere se c'era qualche blog aggiornamento. bene.
    cmq bello. anche cambiare, anche se immagino le sofferenze, il lasciare e il ricostruire i rapporti umani, la quotidianità, anche e di più per i ragazzi. sarà un bagaglio inestimabile per la loro vita futura e ovviamente anche per te e mr big. mi piacerebbe provare.
    :) un abbraccio

    dd.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confido nel nostro spirito di adattamento....sarà bellissimo!

      Elimina
  2. ciao donatella ,da quello che ho appena letto,la cina ti manca tanto,molte differenze con la nostra suzhou,ma ti abituerai presto in thailandia. ciao maria giovanna!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era diventata quasi casa....sì mi manca molto!

      Elimina
  3. Mamma mia la storia del topo è orribile....
    Come inizio direi che non è molto positivo, ma credo che una volta sistemata, riuscirai a trovare del bello anche lì....Almeno spero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una schifezza terribile....è un ragazzino ormonalmente disturbato/turbato da tutta questa sexytudine.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Enrico....grazie, l'Asia è tutta meravigliosa troveremo la giusta dimensione!

      Elimina
  5. Io, che ti ho anticipato in questo percorso da Suzhou a Pattaya non posso far altro, purtroppo, che confermare le tue prime impressioni. In pochi giorni hai colto in pieno i problemi di questa città. Io, che ho i bimbi piccoli, non sai quanto rimpiango il nostro lungo lago a Suzhou per passeggiare con il passeggino o la bicicletta. Qui non si trova nemmeno un luogo per farlo. Immagino che anche con degli adolescenti non sia facile mantenere saldi certi principi! Comunque vedrai che qualche bel posto, dentro e fuori città, c'è. Solo che per arrivarci devi passare in mezzo al caos, al traffico, alla sporcizia e ai cani randagi! Benvenuta comunque!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speravo tu non confermassi....ci ho sperato molto!
      Grazie...sarà sicuramente una bella avventura, mi do tempo!

      Elimina
  6. Ciao! Che bello che torni a scrivere! Sì, effettivamente la Thailandia ce la immaginiamo quasi perfetta... e invece...
    Coraggio dai, tu sei entusiasta forte e piena di ironia, coglierai i lati più belli di questa avventura! Credo che i primi tempi in un posto nuovo non siano per niente facili! In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì....continuo a ripetermi che è una questione di adattamento. Porta un bacetto a Suzhou!....Grazie per gli auguri....che crepino le pantegane!

      Elimina
  7. Ho degli amici in vacanza in Thailandia che postano foto di cibo fantastico e spiagge da sogno. Di certo da turisti è tutto rose e fiori, viverci deve essere tutta un'altra cosa ma lo spirito di adattamento non vi manca e sono sicura che sarà una bella esperienza.
    Comunque le idee imprenditoriali di tuo figlio mi hanno fatta morire dal ridere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son sicura che i tuoi amici non sono in vacanza a Pattaya....qua spiagge da sogno niente di niente, ma cibo molto buono.
      Mio figlio è mooooolto imprenditore.
      Confido che alla fine sarà una bella esperienza.
      Ti tengo aggiornata sulle idee di mio figlio ne ha ogni giorno una nuova.

      Elimina
  8. ciao donatella, hai descritto cosi' bene il topo che sembrava che l'avessi davanti, sono sicura che ben presto vi abituerete a questa nuova collocazione (mi raccomando tu aggiornaci) ...... e mi raccomando lascia che tua figlia aiuti i randagi ...... un bacio grande ti voglio bene ..... ANNARITA <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cara....qui in realtà quelli che io chiamo randagi pare siano sacri vanno in giro per strada in brnachi e ce ne sono moltissimi, nessuno gli fa del male e sicurmente tutti gli lasciano da mangiare. In quanto all'adolescente femmina....aiuta tutti, cani, gatti, serpenti, gechi e pure varani. Ti tengo aggiornata.

      Elimina
  9. Se ricordo i primi post dalla Cina mi viene da pensare che questo nuovo inizio sarà più facile.
    Di sicuro in Thailandia conoscono meglio le abitudini degli occidentali.
    Certo che Vi eravate adattati così bene che passare dall'ordine cinese al caos thailandese richiederà un po' di tempo.
    Ma avrai occasione di scrivere un sacco di post, e sarò felice di leggerli.
    Marcello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marcello caro....ci divertiremo un sacco!

      Elimina
  10. Oddio mi sono smarrita :D che coraggio ed io che mi lamento della Germania.Se ce la fai con lo scooter passa dal mio blog.:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e il mio scooter arriviamo ovunque....

      Elimina