martedì 10 gennaio 2012

Uomini e Superuomini


Uomini e Superuomini

La mia macchinina nei giorni scorsi mi ha lasciato a piedi....e tu donna cosa faresti?

Cerchi di farla arrivare fino al primo meccanico, uno vale l’altro, e con gli occhioni dolci e sfarfallanti gli fai capire che hai problemi con la tua automobile, in poche ore la macchina sarebbe stata pronta per ripartire e se non lo fosse stata avresti almeno rimediato una macchina di cortesia.

Ma il maschio di casa invece no....ha cominciato molto da lontano....

“Sento un rumore strano?”
“Portiamola dal meccanico.”
“Nò! (perentorio) Credo che siano solo le candele...”
“Vabbè, cosa da poco andiamo dal meccanico e facciamola sistemare.”
“Nò! (perentorio) Andiamo al supermercato e le compriamo, compriamo anche la chiave per smontarle ed io le cambio.”
“Scusa....ma perchè non possiamo andare dal meccanico o anche dal benzinaio a farcele cambiare?”
“Ti pare che io vado dal meccanico per 4 candele, che figura ci faccio, intanto provo e se poi non dovessero essere le candele almeno ci ho provato e posso dirgli che le candele sono a posto...”.

E quindi al costo del meccanico aggiungiamo quello per la tua autostima.

“Ma a te....il meccanico mette soggezione?”

“Bhè sai lui conosce tante cose....”

Ti ho beccato mascolino mio, tu sei in soggezione  dal meccanico, e si perchè tu sei uomo ma lui è Superuomo, riesce a fare cose che tu ti sogni, cambia candele come slacciare reggiseni, si racconta che a mia sorella uno le abbia adirittura cambiato il "corpo farfallato", tu uomo normale sei rimasto molto colpito dal racconto del “corpo farfallato” non sai neanche dov’è un corpo farfallato, turbine e centraline, lampadine e guarnizioni di testa....ma cosa ne sai tu uomo normale, ci vuole un super uomo per questo e i super uomini a Voi uomini normali vi fanno una certa soggezione....ma è anche bello vederVi in difficoltà voi che siete sempre sicuri di tutto, le cose pratiche non hanno segreti per Voi, ed invece dal meccanico si vede tutta la Vostra miserrima ignoranza.

Ma perchè deve essere tutto così complicato....non dovremmo essere noi quelle con le sovrastrutture mentali, quelle che si fanno i problemi inutili e invece ecco che abbiamo trovato il SuperUomo che vi mette in imabarazzo!

mercoledì 4 gennaio 2012

Regali Complicati






Le feste Natalizie portano invitabilmente ad una permanenza prolungata di me e del Signor Big (in versione romantica/natalizia/familiare) sotto lo stesso tetto, cosa a cui non siamo per niente abituati, certo ci incontriamo ogni sera  e i weekend li passiamo insieme, ma quelle sono cose normali da coppia collaudata....ma tutte le feste natalizie vicini vicini sono veramente impegnative.

Big sotto le feste si BabboNatalizza, diventa tutto cioccolatini e filmini romantici, esce per comprare il vischio e i dolcini, ma soprattutto esce a comprare il mio regalo di Natale. 
Confesso che non è facile farmi un regalo di Natale, ma alla fine basta andare sul gastronomico o sull’aggeggistica da cucina per farmi felice....il mio biondo marito quest’anno a superato se stesso mi ha ordinato un “pacco” su internet il 21 dicembre, ma quando nel pomeriggio del 24 il corriere non si era ancora presentato (mi avevano garantito la consegna...testuali parole) il biondo testolino è andato nel panico....lui, l’ingenuo, pensava di vivere in Svizzera consegne puntuali  alla vigilia di Natale....ma neanche le Renne di Santa!

Il povero amore è dovuto uscire il 24 pomeriggio per rimediare al “pacco” mancato....ed immagino l’impegno che può averci messo, il maschio medio ed i regali non sono proprio complementari, in questi giorni ho visto uomini sniffare profumi e provare cremine idratanti al Patchouli, comprare mutande rosse e copricapezzoli brillantosi (con un certo imbarazzo ma ormai i copricapezzoli li vendono al super "meravigliosa Italia"), li ho visti comprare sciarpe dai colori improbabili per la gioia delle commesse che ce le avevano lì in magazzino da dieci anni.

Alla fine del pomeriggio è tornato a casa ancora sorridente nonostante il traffico prenatalizio, con quattro bei sacchetti colorati, io mi sono raccomandata che non serviva niente e che avrei aspettato volentieri il corriere che magari in un paio settimane, o con un pò di fortuna anche per la Befana, mi avrebbe recapitato il mio regalo ....perchè  lo so è difficile farmi un regalo....volete sapere cosa c’era nei sacchetti colorati che il biondo marito ha portato a casa....


Primo sacchetto (o anche piano A).
Rullino i tamburi....un fermaporta, sì un fermaporta un cilindretto di metallo...(romanticamente) pare volesse essere il primo pezzo della nostra futura barca a vela.


   Secondo  sacchetto (o anche piano B).
Un collo in lana, per proteggermi dal freddo quando corro.


   Terzo    sacchetto (o anche piano C).
Un paio di guanti....piccolissimi , li ha fatti provare alla commessa....propabilmente elfica perchè non vanno neanche alla Principazza.


     Quarto sacchetto (o anche piano D).
Un bel braccialetto/collana e diciamo che si è riscattato con quello in attesa del vero regalo.

E poi si innervosisce se gli dico che da quando mi sono accorta che lui non è il Principe Azzuro lo amo molto di più (ma si può amare di più?) in maniera diversa ma consapevole, ci siamo conosciuti tanto tempo fa e lui era il Principe Azzurro, facile per me amarlo con tutta me stessa, incondizionatamente, tante volte senza neanche vederne i difetti, crescendo insieme la patina azzurognola lentamente sbiadisce e resta l’uomo con i suoi difetti , resta l’uomo l’essere umano, nella sua meravigliosa imperfezione, ed è bello amare l’uomo, molto più complicato che amare il Principe Azzuro ma sicuramente molto più appagante, una sfida giornaliera e consapevole.

Quasi un Ode al BiondoMarito a lui non ditelo che è meglio del Principe Azzurro....il vero regalo? 

Arrivato molto prima del previsto, il nuovo Kindle con una meravigliosa copertina rosa Hello Kitty, niente più libri in valigia....molto più spazio per salamini e formagelle....furbo l’Uomo, molto più pratico del Principe Azzurro.