martedì 6 novembre 2012

"Mens sana in corpore sano"....Zumba.

Da queste parti, lo sport fa parte della vita quotidiana non è fitness e non è un obbligo medico, è una routine quotidiana, la mattina ci sono le nonnine che fanno Taichi con le spade ed i ventagli accompagnate dalla musica di una vecchia radiolina gracchiante, la sera dopo cena ci sono le coppiette che passeggiano attorno al compound, i ragazzini che saltano con la corda, ed i nonnini che camminano all'indietro (pare si consumino molte più calorie, si attivano muscoli "sconosciuti" e si migliora l'equilibrio)...e durante i monsoni? ....e quando piove? ....e se fa troppo freddo?

Provate a scendere nei garage e troverete un basement molto popolato, quello che si può fare fuori lo si può fare anche sotto questi enormi compound che ci ospitano.

Attorno a tutto questo ci sono i centri sportivi, le piscine comunali, i campi da bagminton e le varie attività sportive all'aperto...forse i cinesi non userano più tanto la bici, soppiantata dalle più comode Ebike ma fanno comunque tanto movimento.

E' molto comune vedere le persone con racchette da bagminton, sacche da golf, yoga mats...le palestre costano veramente pochissimo ed hanno corsi a tutte le ore tutti i giorni.

E che noi italiani siamo fighetti (ed a volte va bene così), abbiamo bisogno di attrezzature specifiche e costose per ogni sport che vogliamo particare, i pantaloni per la corsa non possono andare bene per lo spinning...le borse che portiamo in palestra non possono essere di plastica fiorata...ed ecco che la nostra forma mentis ci impedisce di fare tante cose.

 Le palestre in Italia costano molto già in partenza, in più dobbiamo attrezzarci come atleti professionisti, non dico di fare come i miei compagnucci di palestra che vengono a fare spinning con le crocs, ma se fossimo un pò più rilassati la nostra vita si semplificherebbe parecchio.

Uno scolapasta per portarsi dietro le cose da bagno, così possiamo appoggiarlo nella doccia e non rischiare ristagni d'acqua, un sacchetto di plastica per le cose sudate, vestiti comodi, ma non necessariamente una tuta....scarpe da ginnastica, ma anche crocs o ballerine.


Fanno sport per lo sport...per muoversi e stare bene, vivere in salute e mantenersi elastici e tonici....io ho un "compagnuccio" che ogni tanto, presumo nel suo giorno libero, trascorre la mattina in palestra, che ci sia l'aerobica o la Zumba lui si ferma, non si fa spaventare da una classe piena di casalinghe....le prime volte mi sembrava strano, adesso fa parte anche lui del paesaggio e siccome balla molto meglio di me approfitto per farmi dare buoni consigli su come muovere il bacino.



video

Negli ultimi anni si è poi scatenato il fenomeno Zumba (classi pienissime mattina e sera)...una versione riveduta e corretta a quanto mi dicono gli esperti, con canzoni cinesi, inglesi e anche Koreane....il mio "compagnuccio" è sempre il più bravo!

video

Io da quando sono qui, ed ho tanto tempo libero mi sono data alle attività aerobiche e pur avendo due piedi sinistri e un bacino immobile...ogni tanto mi faccio tentare dai piaceri della Zumba, è quando asserisco che non sono brava, che sono statica come un baccala  prima di finire alla vicentina...sono circondata da buoni amici che continuano a ripetermi come un mantra....放松 放松....Fàngsōng Fàngsōng....Relax Relax.


Per la cronaca....questo è come dovrebbe essere....





E come mi sento io....ma l'importante è sentirsi bene e quando mi guardo allo specchio?
Il culotto italiano c'è sempre....ma i bicipiti sono molto più tonici, quella odiosa pelecchia sotto le braccia sparirà per sempre e me ne andrò in posto caldo dove me ne starò in canottiera tutto l'anno.

Oddio farnetico....saranno i saltelli!

A presto!





7 commenti:

  1. Fantastico il compagnuccio!!! A me questa sorta di "pressapochismo" cinese piace: in effetti basta avere vestiti comodi non importa che siano di marca, super costosi o super tecnici. Relax relax! Come uscire col pigiama la domenica, o mettere i sandali con i gambaletti... :) magari (magari anche no) un giorno lo faremo pure noi!

    RispondiElimina
  2. Ciao .... Ho letto con attenzione la tua lettera di presentazione e siccome mi si prospetterebbe un trasferimento a Shanghai con due bambini al seguito di tre e sei anni che non parlano inglese ti chiedevo se potevi darmi due dritte sui criteri di scelta di scuola e casa .
    Ho notato che le scuole internazionali richiedono un livello di inglese molto alto e che esiste un scuola italiana Che si chiama Rodari ..... Mi sai dire qualcosa in merito?
    Grazie Tiziana

    RispondiElimina
  3. Argomento difficile....la scuola italiana è solo per il sabato mattina, e sicuramente non ti mette in pari con la scuola in Italia, e certamente un bel modo per passare il sabato mattina (se mai i tuoi ne avessero voglia...io ci sono riuscita solo per un anno), per l'inglese invece non ci saranno problemi i ragazzi che non parlano inglese vengono inseriti nelle classi di ESL, english second language, insieme a tutti quelli di non madrelingua inglese (tanti....tantissimi...moltissimi asiatici che come noi italiani non parlano inglese), fino a quando avranno raggiunto un livello accettabile di inglese che gli permetta di seguire le lezioni. Mi spiego meglio, loro seguono le lezioni con tutti gli altri all'inizio avranno delle ore a parte di ESL, non conosco bene la realtà di Shanghai ma posso darti dei contatti di persone a Shanghai....scrivimi su facebook o alla mail!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti trovo su facebook? Se vuoi scrivermi in privato annette1982@gmail.com

      Elimina
  4. Grazie sei stata molto gentile e molto chiara ....ma se dovessi scegliere tra una scuola internazionale inglese o americana o cinese cosa mi consiglieresti visto che il costo e' comunque altissimo .... !!!! Dalla tua esperienza ritieni che malgrado le innumerevoli difficoltà valga la pena far fare a due bambini piccoli questo percorso ?
    Questa comunque e' la mia mail
    tibi.arck@gmail.com
    Grazie ancora
    Tiziana

    RispondiElimina
  5. Appena possibile mi metterò in contatto con te....sono in partenza per l'Italia, magari ci facciamo uno squillo quando sono il patria.
    Dammi qualche giorno e ne riparliamo!

    RispondiElimina
  6. scoperto per caso il vostro blog...mamma che interessante!!!!progetto la partenza in Cina, per lavoro, passione e chissà cos'altro.... da oggi vi seguirò!

    RispondiElimina