lunedì 17 dicembre 2012

Alcune cose che mi hanno migliorato la Vita


"L'essenziale è invisibile agli occhi." 
Così ci insegna Saint Exupery nel Piccolo Principe ed io non potrei essere più d'accordo con lui, ma è anche vero che ci sono cose non essenziali che ti semplificano la vita, a volte la migliorano.
Anche gioire delle piccole cose non è male. 

Ho stilato una piccola classifica di "banalità" ed in quando tali non sono in ordine di importanza.


PILATES. Il pilates mi ha veramente cambiato la vita ed ha decisamente migliorato i miei addominali, tonificato i miei bicipiti e reso elastica la mia schiena. Cominciare la giornata con uno stretching mirato aiuta la schiena e la postura, imparare a respirare veramente e profondamente ti apre la mente e migliora decisamente l'umore. 

WHATSAPP. La messaggistica istantanea è stata una rivelazione, posso essere in contatto con tutti sempre, con foto, traccie audio e video, basta rispettare i fusi orari degli amici in giro per il mondo ed il gioco è fatto.

PINTEREST. E' una bacheca virtuale dove "pinnare" le tue voglie ed i tuoi sogni virtuali, dai dolci alle case extralusso, passando per i viaggi e gli abiti da sposa, una fucina di idee "fai da te", ma anche una splendida vetrina commerciale delle ultime tendenze divise per categorie.

DOLCEMENTE ITALIA. L'apertura di questo bar entra in questa classifica a pieno diritto e pieni voti, grazie a Francesco (cinese de Roma) questo posto è diventato,  "il posto" dove incontrarsi, l'aperitivo del Venerdì  sera è diventato un punto fermo nella nostra routine settimanale, l'atmosfera è quella di Casa, grazie anche a Giorgio che si sforza di parlare sempre in italiano, si può anche prendere un espresso veloce al banco o un gelato da passeggio, si trovano le brioscine calde per la colazione della domenica mattina e dei bei cappuccini con la schiuma. Cosa si può volere di più a così tanta distanza dal Baretto del paese.

KINDLE. Strumento fantastico, un libro elettronico, ma con delle vere pagine anche se non di carta, anch'io prima di averlo in mano non ero troppo convinta del suo essere libro, ma poi si fa di necessità virtù, la carta ha il suo fascino indiscutibile, l'odore del libro nuovo e la rigidità delle prime pagine non hanno paragoni, ma hanno un loro peso in valigia, ed io voglio leggere ma anche sopravvivere con qualche bontà italiana ai prossimi mesi di Cina che mi aspettano, a volte tra il salamino e il libro prendeva il sopravvento la gola. Adesso questo problema non si pone più io viaggio con molti, moltissimi libri. Dopo la registrazione al sito di Amazon ci sono anche delle offerte giornaliere a pochi euro, quest'anno ho letto libri veramente interessanti e divertenti per pochi pochissimi euro. 


"Qualche decennio fa era tutto più semplice, si riusciva facilmente a localizzarli. Gli stessi imbecilli erano disposti a collaborare, ammettendo di esserlo.
Oggi purtroppo, sarà la scolarizzazione, gli stupidi si presentano incartati con il ricciolo, come una confezione regalo di Sambuca che, a guardarla chiusa, potrebbe sembrare Whisky di marca.
Tutto questo è molto pericoloso, perchè lo stupido, se non lo individui, può fare dei danni spaventosi allo stesso modo di un residuato bellico."

cit. "Un calcio in bocca fa miracoli" di Marco Presta


Ebook divertentissimo, comprato per pochi euro con l'offerta del giorno, un vecchietto reso scorbutico  dall'età (e dalla prostata) racconta la sua quotidianità fatta di acciacchi, di amore carnale per la portinaia e di amicizia con Armando un altro vecchietto che si sente Cupido. Delizioso.

La libertà di leggere sempre ed ovunque ....si decisamente una piccola cosa che mi ha migliorato la vita.


UGG. Brutti sono brutti, ma i piedi caldi per me passano sopra all'eleganza, io li ho sdoganati.

CENTRIFUGA. Frutta e verdura diventano succhi fantastici per colazioni, merende e snack salutistici. I miei figli ne "abusano", il mio fruttivendolo ringrazia ha cambiato la vita pure a lui.

BUN MAKER. In italiano non saprei come si dice, forse come in inglese aggeggio per fare la crocchia (lo chignon), in pochi minuti riuscirete a farvi un acconciatura tipo colazione da Tiffany, chic anche con un paio di UGG.

GLUCOMANNANO. Gli spaghetti di glucommannano per la precisione, gli Shirataki che sono fatti con la farina derivante dalla radice di Konjac una pianta erbacea di origine giapponese. Questi spaghetti si trovano anche in Italia nei negozi specializzati, ma in Cina si vendono freschi al supermercato in piccole vaschette piene d'acqua, sono composti solo da una fibra indigeribile e non contengono calorie, semplicemente passano nel nostro intestino "pulendolo" un pò, sono un pò "gommosi" ma non hanno nessun tipo di sapore e si possono condire all'asiatica ma anche con il ragù. Mi hanno cambiato la vita perchè finalmente riesco a saziare l'adolescente anziano, affamato come tutti gli altri coetanei ma purtroppo diabetico, può anche mangiare un chilo di pasta al ragù la glicemia sarà sempre al giusto livello.


ADOLESCENTI. E sì averne due in casa è una bella lotta, ma quanto sono belli....idealisti, sognatori, innamorati della vita, forti e duri contro tutti. Chitarra elettrica a palla da una parte della stanza e smalti colorati, fumetti e animali in via d'estinzione dall'altra (si perchè i miei adolescenti si "odiano" ma non si separano). E' tu ti ritrovi in un angolo e vedi passare amici di ogni colore, scie di deodorante e Sneaker puzzolenti. Hanno sempre una festa, un amico da "salvare", un happening a cui andare, la scuola è troppo "boring", le maniche corte troppo "cool" anche d'inverno. Mi fanno impazzire giornalmente, non riusciamo davvero a seguirli siamo sempre almeno due passi indietro, al BiondoMarito sono venuti i capelli bianchi a me le rughe intorno agli occhi. Ma com'è bello, bello, bello....impazzisci e ti innervosisci, poi entri nel loro antro di sera, scavalcano pantaloni arrotolati, amplificatori, borsette, fumetti e magliette che andrebbero lavate, li guardi puzzolenti e addormentati, li baci nell'unico momento in cui adesso si fanno baciare e ti innamori di nuovo, giornalmente di loro....dei loro amori, delle loro lotte, del caratteraccio, domani sarò ancora genitore orgoglioso di due adolescenti è una dura lotta ma ce la posso fare, li accompagnerò  nel mondo adulto....se sopravvivo!

sabato 8 dicembre 2012

Baby Diego



Latito....latito...ma ho delle buone ragioni e soprattutto prometto di essere più buona e più regolare nei prossimi mesi.

Sono in Italia ormai da quasi un mese, per la nascita del mio nipotino, venuto al mondo dopo una bella risata di mia sorella in sole tre ore di travaglio, una creatura meravigliosa e pacifica, il vero regalo di questo Natale.

Tutti innamorati di lui non riusciamo a staccargli gli occhi da dosso, incantati dalle sue faccine buffe e dal suo sguardo sapiente.



I cugini lo vorrebbero subito mettere nella Rock Band o per lo meno farlo diventare una mascotte.



La zia lo vizia comprandogli morbidissimi fiori da bagnetto....fatevi un giretto su questo sito,Blooming Bath, questo fiore è proprio una genialata, veramente un bel regalo per una neomamma e soprattutto per un neonato, che riesce a starsene comodo comodo nella sua acquetta calda.

Io torno presto...sto compilando la lista delle dieci cose che mi hanno cambiato la vita quest'anno.

A prestissimo!

martedì 6 novembre 2012

"Mens sana in corpore sano"....Zumba.

Da queste parti, lo sport fa parte della vita quotidiana non è fitness e non è un obbligo medico, è una routine quotidiana, la mattina ci sono le nonnine che fanno Taichi con le spade ed i ventagli accompagnate dalla musica di una vecchia radiolina gracchiante, la sera dopo cena ci sono le coppiette che passeggiano attorno al compound, i ragazzini che saltano con la corda, ed i nonnini che camminano all'indietro (pare si consumino molte più calorie, si attivano muscoli "sconosciuti" e si migliora l'equilibrio)...e durante i monsoni? ....e quando piove? ....e se fa troppo freddo?

Provate a scendere nei garage e troverete un basement molto popolato, quello che si può fare fuori lo si può fare anche sotto questi enormi compound che ci ospitano.

Attorno a tutto questo ci sono i centri sportivi, le piscine comunali, i campi da bagminton e le varie attività sportive all'aperto...forse i cinesi non userano più tanto la bici, soppiantata dalle più comode Ebike ma fanno comunque tanto movimento.

E' molto comune vedere le persone con racchette da bagminton, sacche da golf, yoga mats...le palestre costano veramente pochissimo ed hanno corsi a tutte le ore tutti i giorni.

E che noi italiani siamo fighetti (ed a volte va bene così), abbiamo bisogno di attrezzature specifiche e costose per ogni sport che vogliamo particare, i pantaloni per la corsa non possono andare bene per lo spinning...le borse che portiamo in palestra non possono essere di plastica fiorata...ed ecco che la nostra forma mentis ci impedisce di fare tante cose.

 Le palestre in Italia costano molto già in partenza, in più dobbiamo attrezzarci come atleti professionisti, non dico di fare come i miei compagnucci di palestra che vengono a fare spinning con le crocs, ma se fossimo un pò più rilassati la nostra vita si semplificherebbe parecchio.

Uno scolapasta per portarsi dietro le cose da bagno, così possiamo appoggiarlo nella doccia e non rischiare ristagni d'acqua, un sacchetto di plastica per le cose sudate, vestiti comodi, ma non necessariamente una tuta....scarpe da ginnastica, ma anche crocs o ballerine.


Fanno sport per lo sport...per muoversi e stare bene, vivere in salute e mantenersi elastici e tonici....io ho un "compagnuccio" che ogni tanto, presumo nel suo giorno libero, trascorre la mattina in palestra, che ci sia l'aerobica o la Zumba lui si ferma, non si fa spaventare da una classe piena di casalinghe....le prime volte mi sembrava strano, adesso fa parte anche lui del paesaggio e siccome balla molto meglio di me approfitto per farmi dare buoni consigli su come muovere il bacino.



video

Negli ultimi anni si è poi scatenato il fenomeno Zumba (classi pienissime mattina e sera)...una versione riveduta e corretta a quanto mi dicono gli esperti, con canzoni cinesi, inglesi e anche Koreane....il mio "compagnuccio" è sempre il più bravo!

video

Io da quando sono qui, ed ho tanto tempo libero mi sono data alle attività aerobiche e pur avendo due piedi sinistri e un bacino immobile...ogni tanto mi faccio tentare dai piaceri della Zumba, è quando asserisco che non sono brava, che sono statica come un baccala  prima di finire alla vicentina...sono circondata da buoni amici che continuano a ripetermi come un mantra....放松 放松....Fàngsōng Fàngsōng....Relax Relax.


Per la cronaca....questo è come dovrebbe essere....





E come mi sento io....ma l'importante è sentirsi bene e quando mi guardo allo specchio?
Il culotto italiano c'è sempre....ma i bicipiti sono molto più tonici, quella odiosa pelecchia sotto le braccia sparirà per sempre e me ne andrò in posto caldo dove me ne starò in canottiera tutto l'anno.

Oddio farnetico....saranno i saltelli!

A presto!





lunedì 22 ottobre 2012

Focaccine di patate





Metti che hanno aperto un Ikea a Wuxi nel quale mi sono finalmente procurata uno schiacciapatate....
metti anche che il mio mentore culinario abbia pubblicato questa ricetta....
metti che abbia trovato delle patate decenti al mercato....
metti che avessi voglia di un pane diverso....




Focaccine alle patate

Ingredienti

500 grammi di farina di manitoba
500 grammi di patate schiacciate
500 ml circa di acqua
sale pepe
1cucchiaino di zucchero
1 bustina di lievito di birra 
4 cucchiai di olio
origano, basilico, rosmarino 


Lessate e schiacciate le patate in una ciotola capiente, lasciatele intiepidire, versateci sopra la farina, il lievito, il sale,il pepe, lo zucchero e un cucchiaio d'olio, mescolate velocemente prima di aggiungere l'acqua.

Impastate brevemente direttamente nella ciotola coprite con la pellicola, lasciate lievitare un paio d'ore.

Io per i miei lievitati di solito riscaldo il microonde per qualche minuto mettendoci dentro una ciotola con l'acqua, il forno a microonde è piccolino ma riesce a contenere più o meno tutte le "caccavelle" che utilizzo per gli impasti, inoltre resterà alla temperatura giusta per diverso tempo.

Dopo la lievitazione versate il composto sulla spianatoia infarinata e formate tante focaccine...circa 15 con questo impasto, spennellatele con il trito di erbe aromatiche e olio...anche qualche granello di sale grosso non sarà di troppo.


Buone, Buone, Buone.... e veloci perchè con la patata tiepida l'impasto sale in attimo, morbide e saporite anche il giorno dopo, io solo questa settimana le ho fatte due volte.

Fatemi sapere.







martedì 16 ottobre 2012

Sorry my Chinese is not good!

Non ho molto tempo per passare di qua ultimamente....due adolescenti in giro per casa(con svariati amici multietnici che dormono, mangiano e bevono quasi sempre da queste parti) e un nipotino in arrivo dall'altra parte del mondo, prendono gran parte del mio tempo fra poco meno di un mese sarò a casa sperando di riuscire a vederlo nascere....intanto qui bisogna organizzarsi incastrando viaggi di lavoro di Big con i colloqui scolastici e il Tutor 3 pomeriggi a settimana.

La mia amica Blogger ha pubblicato questo video su internet, volevo condividerlo con Voi, forse questo video meglio di tante parole rapprensenta come si sente uno straniero in Cina, uno straniero che studia cinese e che ce la mette tutta per farsi capire, questa canzonetta potrebbe diventare il mio Mantra quotidiano....anzi ad essere sinceri lo è già da qualche anno.


 對不起我的中文不好!

Sorry my chinese is not good!



Inoltre vi segnalo anche questo piccolo "squarcio" della mia Cina pubblicato sul sito Espatriati per Caso dove potete trovare tante dritte interessanti sulla vita all'estero e sull'espatrio.


A presto....

martedì 2 ottobre 2012

Nutella Home Made



La Nutella è la colazione della domenica mattina, magari ci scappa anche una merenda al sabato pomeriggio con il pane fresco appena sfornato.
Mr.Big è venuto su a pane, Nutella e nebbia padana...di nutelline, quelle nei mini contenitori di platisca si nutriva quasi ogni pomeriggio alternata ai blocchetti di cioccalata Zani, io ne sono meno addicted ma per lui la Nutella é la merenda.

La Nutella in Cina si trova senza problemi, infondo la Ferrero è partita dal Piemonte per diventare una multinazionale, si trovano le barrette Kinder e anche i Ferrero Roches....il vero problema è il costo, il barattolo grande da 500g costa più di dieci euro.

Il consumo esagerato del (magrissimo) consorte, mi ha fatto pensare ad una cremina cioccolattosa dalla quale eliminare tutti i grassi "strani" della sorella industriale, anche restando esageratamente calorica questa mi sembra un'ottima alternativa alla Nutella, anche se ammettiamolo come combatte la PMS una bella cucchiaiata di Nutella, direttamente dal barattolo alla bocca senza neanche la scusante di una fetta biscottata,  il palato incollato dalla cioccolata, le papille gustative estasiate dal cacao e dallo zucchero....un paio di "palettate" e il ciclo resta solo una noiosa incombenza mensile.

Io ho usato il caro vecchio (ha quasi 30 anni) Bimby della mia mamma, che ha viaggiato con me e che fedele non mi abbandona, è invecchiato un pò, ha perso una manopolina e il manico del boccale traballa parecchio, ma è qui con me, ancora resiste, assistendomi nei miei esperimenti culinari.
Di ricette ce ne sono moltissime quasi tutte con l'olio di semi che io non volevo usare, questa è la mia versione.


Nutella Home Made 

Ingredienti

150g di nocciole 
120g di zucchero
250g di cioccolato fondente
100g di cioccolato bianco
200ml di panna liquida

Con il Bimby la cosa si fa facile, tutto dentro a 50 gradi velocita 2 per una decina di minuti.

Senza Bimby, la cosa si fa un pò più articolata ma non troppo.

Prima si passano nel mixer le nocciole fino a farle diventare una farina,aggiungete lo zucchero e azionate il mixer ancora un trentina di secondi, nel frattempo a bagno maria sciogliete la cioccolata aggiungete la panna, le mandorle e lo zucchero. Mescolate con la spatola fino ad ottenere una crema omogenea, ripassatela nel mixer per omogeneizzarla ancora un pò e lasciate raffredare.

Non avendo conservanti bisogna tenerla in frigo.





martedì 25 settembre 2012

"No-Knead" Bread....ma con la crosta!






Il "No-Knead" Bread lo faccio da diverso tempo, un pane facile e buono, molto più buono di quello che si trova nelle Pseudo Panetterie/Pasticcerie da queste parti.
Dal "No-Knead" Bread si può partire anche per fare pizze e foccacce, arricchirlo con semi e semini, usare farina integrale etc. etc. potete sbizzarrirvi come meglio credete.
La ricetta è di Jim Lahey, proprietario della Sullivan St Bakery...per tutto il resto fate Voi, io l'ho provato al Pesto, con i pomodorini, capperi e olive, Rosmarino fresco e formaggio grattuggiato, pancetta e cipolla (tutto a crudo), prosciutto cotto e origano, basta aggiungerli all'inizio insieme alla farina e far lievitare, il segreto di questo pane è proprio la lievitazione, lasciar fare al tempo quello che le nostre nonne facevano a mano.

Il mio problema del pane senza impasto era la crosta, non possedevo una pentola di ceramica e soprattutto pensavo ne servisse una seria...veniva un pò di crosticina ma non una vera crosta, nei giorni scorsi sono approdata in questo sito con moltissimi consigli per il pane senza impasto con la crosta, ma soprattutto questo "panettiere" ha sdoganato le mie misere pentole di ceramica da 50 Rmb....adesso sì che si ragiona, non voglio dire bestialità ma siamo quasi ad Altamura.



Ingredienti:
Farina High gluten 500gr
Acqua 350gr
Sale 2 cucchiaini
Lievito di birra secco 1 cucchiaino 
Zucchero 1 cucchiaino

Procedimento

In un contenitore capiente con coperchio (io uso un Tupperware) si versano la farina, il sale, il lievito e lo zucchero (e tutti quegli ingredienti aggiuntivi che la fantasia vi suggerisce), si mescolano brevemente le polveri e poi si aggiunge l'acqua e si impasta brevemente, l'impasto risulta molto appiccicoso. Chiudete con il coperchio e lasciate a lievitare dalle 12 alle 18 ore (ma anche 20...Akuna Matata).
Trascorso questo tempo, si rovescia il tutto su un piano di lavoro infarinato, si danno due serie di pieghe a tre e si mette a riposare avvolto in un canovaccio bene infarinato, con la chiusura delle pieghe rivolte verso il basso. Questo riposo deve durare per 3 ore, sempre a temperatura ambiente.
Il forno deve essere preriscaldato a 250° statico, metteteci dentro la Vostra pentola di ceramica delle bancarelle senza coperchio e fatela scaldare per una decina di minuti rovesciate il pane dal canovaccio direttamente nella pentola calda, facendo in modo che il lato delle pieghe si ritrovi invece in alto nella pentola. Mettere il coperchio alla pentola e richiudere il forno.
Fate cuocere per trentaminuti con il coperchio, e per un'altra decina senza, fino a formare una bella crosticina dorata.
Appena si raffredda un pò la pentola rigiratelo su una griglia e lasciatelo raffreddare, il primo giorno sarà croccantoso, nei giorni successivi assomiglierà sempre di più ad un Altamura...sì è una bestialità ma anche senza la semola.
E come direbbero  gli Americani che hanno inventato questo "No-Knead" Bread.
Enjoy it!

Vi lascio anche il video così si capisce bene la consistenza dell'impasto.

domenica 23 settembre 2012

Finalmente Fetta al Latte



Ci ho provato un pò di volte prima di trovare la consistenza giusta della cremina interna, la volevo soffice ma non spatasciosa (passateti il termine), solida ma non gelatinosa...alla fine un dolce molto facile da fare che piace proprio a tutti....dai bambini francesi e quelli finlandesi.
Noi "adottiamo" sempre qualche straniero nel weekend, se non consideriamo la difficoltà nell'arrotolare lo spaghetto, mediamente gradiscono quasi tutto, e si fanno "riadottare" settimana dopo settimana. Cucina senza confini.

Fetta al Latte

Ingredienti:

50g di farina per dolci
50g di cacao amaro in polvere
4 uova
170g di zucchero

per la crema

400ml di panna da montare
200ml di latte
50g di zucchero
30g di farina
2 cucchiai di miele
2 fogli di colla di pesce e due cucchiai di latte caldo (pane angeli la confezione da 12g)


Nella planetaria (o con la frusta in un recipiente capiente) montate le uova e lo zucchero fino a quando diventeranno spumose e di un giallino molto chiaro, ci possono volere diversi minuti.

Setacciate insieme farina e il cacao ed una volta che le uova sono spumose versatelo nel  composto lentamente sempre usando le fruste.

Rivestite una teglia 35 x 30 con carta da forno e versatevi dentro il composto livellandolo bene (altrimenti i bordi vi diventano ciccioni), infornate nel forno statico 180 gradi per una decina di minuti.

Lasciate raffreddare completamente.

In un pentolino stemperate il latte con la farina e i 50g di  zucchero, portate ad ebollizione sempre mescolando, fate raffreddare completamente in frigorifero.

Rimontate la vostra planetaria (quante volte si smonta e si rimonta la "santa" planetaria?) e cominciate a montare la panna, nel frattempo ammollate la gelatina e scioglietela nei due cucchiai di latte bollente, mettete il composto di latte e gelatina in un piattino da caffè in modo da abbassare velocemente la temperatura del composto.

Una volta che la panna è montata abbassate la velocità delle fruste e aggiungere in tre/quattro volte la crema che avrete fatto raffreddare alla panna e poi solo alla fine la gelatina sciolta nel latte molto lentamente, non importa se è ancora tiepida, tutto il composto è molto freddo quindi non si smonterà anche perchè la quantità è di latte e gelatina è veramente irrisoria, lasciate  questa crema in frigo almeno per un'ora.

Tagliate a meta la base al cioccolato, spalmateci sopra la crema di latte e ricoprite con l'altra metà delicatemente senza schiacciare troppo, rimettete in frigo per un'altro paio d'ore e poi potete tagliare le Vostre "Fette al Latte".

Buona merenda!



mercoledì 12 settembre 2012

Muffins or Ugly Cupcakes




A gentile richiesta la ricetta collaudatissima dei miei muffins o cupcakes, dipende un pò dalle occasioni.
Solitamente per me sono muffins...perfetti a colazione! 





Muffins or Ugly Cupcakes


380g di farina
250ml di latte
200g di zucchero
180g di burro 
3 uova ed un tuorlo (ma le mie sono uova piccine).
1 bustina di lievito
1 cucchiaino di bicarbonato


Montate in una planetaria (oppure frusta e ciotola) le uova con lo zucchero fino a quando diventano spumose e gialline molto chiaro, aggiungete il burro ammorbidito e poi farina lievito e bicarbonato, io setaccio tutto insieme in una ciotola e aggiungo piano piano alternando al latte.

Dovrebbe risultare un composto molto soffice e spumoso, ma bello compatto,  in questo caso io ho aggiunto lamponi congelati ed ho mescolato con una spatola per amalgamere tutto, ma potete metterci sopra un cioccolattino (passo in congelatore anche quelli) facendo solo un pò di pressione....dopo la lievitazione lo troverete proprio al centro del Muffin, da questa base potete partire con tutti i muffin che volete, gocce di cioccolato, frutta, caffè....solo molta fantasia, saranno anche un pò Ugly....ma volete mettere per colazione!

Aiutandovi con l'aggeggio per fare le palline di gelato mettete una pallina di composto in ogni pirottino, quelli della foto sono di misura media, ogni muffin pesa circa 30g, con questo impasto ne vengono circa trenta.

Il forno è un pò soggettivo....il mio, statico 180 gradi 20 minuti.
A presto!

lunedì 10 settembre 2012

Fiori di Loto

E' sempre più raro imbattersi in piccoli stagni come questo, stanno rubando terra al verde per issare enormi palazzoni che resteranno vuoti fino allo sgretolamento, fantasmi di cemento vuoti e tristi che si portano via pezzetti di verde prezioso.


Quando ancora incontro questi piccoli pezzettini scappati alle ruspe mi fermo sempre a fare una foto...




Mi sembra di essere un veterano, un vecchietto malinconiconico e triste per una terra che non è neanche mia..."lì...dove ora c'è quel palazzone c'era un laghetto di ninfee venivano tutti a fare le foto appena erano in fiore...un'isoletta rosa nel grigiume cittadino" ....mi sento ripetere ai nuovi arrivati, ripensando con nostalgia a quel piccolo pezzetto di verde.

Ma sempre più cemento....in questa terra strana, a discapito del verde e delle tradizioni, ci saranno ancora prati in cui far volare gli aquiloni la domenica mattina?






I semi di Loto si usano anche per molte ricette nella cucina cinese quelli che vedete nella cesta sono quello che resta dei Loti dopo la fioritura, in ogni buchino c'è un semino....

venerdì 27 luglio 2012

E la chiamano estate

Strana l'estate italica.... la guardo dai margini, quasi pronta a ripartire per la mia Patria adottiva.
Il marinaio mi aspetta sul Lago di Suzhou, al cuore ed ai marinai non si comanda!


Pizzo....pizzo e pizzo.... camicioni che neanche mia nonna si sarebbe messa, rivisitazioni di vecchie tendine ricamate, si trasformano in camiciole e gonnelloni, le italiane vogliono stare comode ma essere sexy, il "vedo non vedo" dei ricami può essere intrigante, ed ecco che  rispolveriamo i vecchi bauli per inventarci capi all'ultima moda.
C'è crisi? Ed ecco che mi ricicciano i vecchi merletti!


Italiani affamati dalla Dukan avidi di bresaola e petti di pollo, famelici come leoni nella savana, più un lavoro che una dieta, ma tant'è ....tutto diventa Dukan il pane e anche le brioches, un intruglio di maizena, uova, e avena....e lo chiamano pane, una volta la chiamavano estate!
Italiani molto costipati, (e te credo...bresaola, pollo e avena) viste le innumerevoli pubblicità di lassativi e supposte miracolose, gli italiani hanno un "peso" e non riescono a liberarsene...lode ai pubblicitari ed alle loro "trovate".

Gli italiani sono in "ansia" per la figlia della della Fico sarà colorata o palliduccia? Riusciremo a vivere con questo dubbio?
Ma anche per Anastasia Grey, quella delle "sfumature", il caso editoriale di ques'estate....la piccola Ana passata in una settimana da vergine a regina del pompino, (scusatemi il linguaggio ma a volte ci vuole)....come finirà questo amore "in tutti i luoghi e in tutti i laghi" 1500 pagine di lui nelle mutande di lei e viceversa, almeno con gli Harmony in 50 pagine ci siamo tolte lo sfizio...ma vedrete riaccenderà il "fuoco" del talamo e l'anno prossimo un sacco di nascituri alla faccia della crisi! (...pare che in Inghilterra sia davvero andata così).

Tanti Braccialetti di Plastica fluorescente e all'uncinetto, sulle braccia di tutte grandi e piccine,  che alla faccia della crisi costano un botto....io mi tengo lontana dalle edicole quando c'è in giro Princi, in un'attimo ti trovi a spendere 10 euro in braccialetti di pizzo (anche quelli...), ma le edicole non vendevano giornali, ormai quelli li leggiamo sull'Ipad e in edicola troviamo molte cosette inutili....e tanti "gratta e vinci"...c'è la crisi e Voi mi insegnate che i sogni costano da due euro in su!

I canali per ragazzi sono pieni di telenovelas spagnole che se ricordo la Veronica Castro di "Anche i ricchi piangono" che la nonna Maria si guardava ogni santo giorno, stiamo parlando di una santarella in confronto a Flor che incanta le teenager con amori clandestini,gravidanze indesiderate e principi poco azzurri e parecchio stupidi.


Ma vabbè a parte tutte le difficoltà vere ed un pieno di benzina a 81 euro (no...no...non ho comprato una Ferrari è sempre la vecchia punto rossa, sì lei...quella senza aria condizionata)....gli italiani riescono ancora a divertirsi e a riunirsi nelle piazze per lo spritz e per le chiacchiere...uno strappo alla Dukan il sabato sera si può fare, la cena non ce la possiamo permettere (un pò la dieta un pò la crisi) ma uno Spritz in piazza San Giacomo non ce lo facciamo certo mancare!
Salute!




giovedì 21 giugno 2012

4 valigie

4 valigie....
Tutto qui, 4 valigie in cui da qualche anno a questa parte infiliamo la nostra vita, 4 valigie che si riempiono di noi ogni volta andata e ritorno, 4 valigie che si fanno ogni volta più piene e pesanti, a volte pesantissime.
Difficile chiuderle a volte, vorresti lasciarle aperte e mantenere uno spiraglio con quello che è stato o che dovrà essere.
Per ogni valigia chiusa ci sono cose che restano fuori, ci sono persone che vanno e alcune che restano, ci  sono saluti che non vorresti mai fare e braccine cicciotte che non vorresti mai abbandonare, briciole di cuore lungo la strada, e quelle le lasci lì...ti prometti di essere più forte la prossima volte, ma quelle briciole non le recuperi.
Questa vita strana ti regala tanto, tantissimo....non ringrazierò mai abbastanza il Karma per avermi portato lungo questa strada, ma spesso ti toglie.
Ti toglie quei piccoli punti fermi che cerchi di raggiungere con fatica, ti toglie la fisicità degli affetti, che sicuramente restano intatti, ma quanta fatica in più.
Domani partiamo, le 4 valigie contengono tutto quello che ci servirà nei prossimi tre mesi, le abbiamo chiuse con fatica anche questa volta....fra tre mesi, un'amica non sarà qui ad aspettarmi, non vedrò i suoi bimbi al parco e non ci saranno lunghi caffè, non ci sarà il maestro di chitarra, e non ci sarà la delivery di pasta e fagioli, non ci saranno i bernoccoli da curare e neanche quel meraviglioso profumo di bimbi piccoli, ci sarà sempre un'amica, una persona su cui contare senza troppi giri di parole, senza stupide sovrastrutture, senza banali etichette.
Mi conviene chiuderle queste valigie...Buon Viaggio a tutti, a chi resta, a chi parte, a chi non si è mai fermato, a chi non è mai partito ma viaggia lo stesso, Buon Viaggio ai bambini viaggiatori che a volte fanno più fatica di tutti a partire ma anche a restare...Vi abbraccio forte. Siete forti...l'equilibrio si ritrova, gli amici restano nonostante le distanze...vi ammiro tantissimo, io pagnucolo mentre voi mi dite di non preoccuparmi...c'è Skype, c'è Facebook...siete bravi e coraggiosi, io a volte ho bisogno di abbracci veri!
Buon Viaggio!

mercoledì 6 giugno 2012

ZiaGo e la "strana attesa"

Della ZiaGo ve ne avevo parlato all'inizio di questo Blog....forse ancora dall'Italia.

La ZiaGo è stata adolescente ribelle, ha passato la maggior parte dei sabati degli anni '90 sul cubo.

La ZiaGo con l'avvento del nuovo millenio è diventata viaggiatrice e fricchettona persa sulla spiaggia di Goa e nelle tende Nepalesi.

La ZiaGo è tornata dai suoi viaggi con tanti cappelli di Yak e molte collanine, tanti Buddha e molto incenso, ma piano piano si è trasformata in artista stilosa...il suo "CanCavallo" è entrato nella storia del quartierino.

La ZiaGo è adorata dai suoi nipoti viaggianti....dall'Anziano per lo ZioGo che si è scelta come compagno, amante della pesca, del calcio e della vita in tenda, e dalla Principazza per i suoi gioielli, per le valigie piene di vestiti anni '90, per la casa con la mansarda ed i draghi disegnati sulle pareti e forse anche per il grande arazzo di Shiva.

La ZiaGo adesso sta aspettando un bambino.

Anzi sarebbe più giusto dire che lo stiamo aspettando tutti...tutti noi la pensiamo e ci immaginiamo il piccolo alle prese con la sua mamma, ecco, della Zia si potrebbe dire che se c'è una cosa che nessuno di noi si sarebbe mai immaginato è proprio quello di vederla mamma.

Le nostre lunghe conversazioni telefoniche mi lasciano sempre senza parole, la sua "dolce attesa" è più una sorta di "strana attesa".

"Come stai? Hai ancora le nausee?"
"Sto bene....sto bene....no in realtà non ho le nausee, e che ogni tanto mi sveglio con una strana sensazione di schifo nei confronti del mondo e mi viene da vomitare, ma non credo che sia colpa del bambino!"

Dopo un primo giro al reparto maternità mi telefona molto allarmata...

"...non si possono guardare....non si possono guardare....ti prego non fare venire nessuno a trovarmi, le puerpere non si possono guardare, come si fa ad andare in giro con delle camicie da notte fiorate e poi così corte e strapsarenti, con il pannolone in vista....perchè non ci sono delle camicie da notte stilose per le mamme, non voglio nessuno qui...potremmo fare una selezione con gli inviti, solo ospiti selezionati...non voglio che mi vedano così, ed i fiori, perchè i fiori....non puoi neanche portarli in stanza...c'è un cimitero di fiori fuori dalle porte sembrano delle pietre miliari sono anche macabri, piuttosto portatemi un chilo di SanDaniele...e i vestiti premaman ne vogliamo parlare, ma cosa succede divento mamma mica cretina non ho bisogno delle ghette nei pantaloni e neanche di cose fiorate o rigose...cosa mi metterò nei prossimi mesi"

Mi chiama un giorno chiedendomi se la gravidanza potrebbe avere come effetto collaterale quello di fare sogni strani...

"Ho sognato un pastello a cera Blu, che doveva giocare a calcio ma si consumava strada facendo e non riusciva mai a prendere la palla...povero pastello!!! ...e poi...e poi ho sognato un'isola bellissima e dei pirati vi sbarcavano in cerca del tesoro, ma bisognava passare per un ufficio dove un impiegato ti chiedeva cosa stavi cercando "TESORO" gridavano i pirati e lui con tutta calma digitava la parola tesoro su Google per vedere che risultati dava...."

Capite quanta voglia ho di ritornare in Italia in questo momento, di aiutare la Sis a trovare qualcosa di adeguato e nello stesso tempo chiccoso per lei e la sua pancia, di sincerarmi che lo schifo nei confronti del mondo siano solo banali nausee mattutine e anche parlare con uno bravo per capire se le "primipare attempate" sono soggette a sogni strani....Sis ancora dieci giorni, il tuo comitato di sostegno sta arrivando!


mercoledì 23 maggio 2012

Stranezze dimagranti

La verità è che non mi rassegno al mio fisico da "Ferillona", quella classica forma mediterranea fatta di seno prosperoso e culo abbondante, nonostante le mie sessioni, ripetute quasi giornalmente di pilates, spinnig e running che dovrebbero regalarmi un fisico statuario, mi ritrovo a combattere con quei chiletti superflui che preferirei non portarmi a casa per le vacanze o meglio che vorrei sostituire con altri chili presi mangiando gelato e mozzarella!


In questo periodo nella comunità expat comincia una sorta di TamTam per capire qual'è il rimedio migliore per riuscire a non ritornare in patria con i rotolini di ciccia....sempre per la voglia di sostituirli con altri nuovi, guadagnati a suon di gelati con panna!


In questi anni di Cina le ho provate quasi tutte, prima la Caccaguru, lei credeva  che la cellulite fosse uno squilibrio emozionale/energetico, oltre al Guasha e al Tuina  mi aveva consigliato dei pediluvi con lo zenzero, poi un massaggio sadomaso che a forza di  "mazzate"  prometteva di far sparire i chili di troppo, che  inoltre si pagava a peso 100 rmb per ogni chilo perso...conveniente, poi c'è stata la volta della cavitazione e quella della papaia fermentata, poi la volta delle spazzole....strigliate come cavalli da tiro!

Quest'anno è la volta dell'agopuntura...il TamTam del dimagrimento dice Agopuntura, vogliamo tirarci indietro proprio adesso....quando il gioco si fa duro...i duri dovrebbero starsene a casa!

Arriviamo in questo appartamento arredato con dubbio gusto, ci accolgono una PowerFatina con cappellino di Arale e una nonnina tartarugosa in camice bianco....dal camice presumo che il dottore sia lei, ci da una guardatina e una pesatina e poi comincia a trafiggerci di aghi, direi almeno una cinquantina...ad alcuni dei quali attacca un elettrostimolatore, dobbiamo andare da lei a giorni alterni!

La volta dopo abbiamo perso una libbra, la volta successiva ne abbiamo perse due....quasi un chilo, direi non male...una delle mie amiche però continua ad aumentare di peso, la nonnina incredula comincia a sgridarla in Suzhouese stretto, continua a dire che non è possibile, che questa cosa non si è mai verificata prima, fa anche portare una bilancia diversa si pesa prima lei e poi di nuovo la mia amica....niente con lei la sua magia non ha effetto.

L'arzilla vecchietta non si perde d'animo, dopo gli aghi le somministra una bella strigliata con il Guasha e poi anche una trentina di coppette sulla pancia, gambe e fianchi....e vediamo se il tuo Chi freddo è più tosto di me!

Ovviamente la poverina in questione ne è venuta fuori massacrata nel corpo e anche nello spirito, a questo punto anch'io sono un pò stufa di stare con questi aghi piantati per più di un'ora...mi azzardo a dire alla nonnina che non mi sento molto Shufu (confortevole) con tutti questi aghi....che sono stata brava, ormai ho perso 5 libbre (5 libbre fa più figo di 2,5 kg più o meno), mi guarda con aria perplessa e poi mi asseconda....oggi ti faccio un trattamento speciale, molto molto Shufu.

Mi fa stendere a pancia in su, "aspetta un momentino vado a prendere una cosa speciale", ritorna dopo un attimo con dello zenzero fresco tritato che mi mette nell'ombelico, vabbè ho visto di peggio....la sua assistente arriva con una bacinella di acqua bollente, vi bagna dentro delle asciugamani e me li appoggia sulla pancia, un pò caldine la mia panciotta emana un buon profumo di zenzero....molto Shufu questo trattamento, ecco arrivare la nonnina con in mano una bottiglietta, non è finita qui....immaginavo, con questa bottiglietta sparge un liquido sull'asciugamano ancora un pò caldino ed umido....improvvisamente dalla sua mano spunta un accendino ed ecco che mi ritrovo con la pancia in fiamme, gli asciugamani sulla mia pancia stanno bruciando facendo passare un bel pò di calore anche sotto, "scotta" dico in cinese e lei prontamente con un'altra asciugamano umida spegne le mie fiamme addominali....ripete quest'operazione diverse volte finchè la mia pancia è in fiamme, lo zenzero quasi cotto ed io e le mie amiche non ci reggiamo più dal ridere, hai lati ho due Laowai trafitte di aghi che sballonzolano per le risate ed io in centro che mi faccio cuocere lo zenzero direttamente nell'ombelico e guardo la mia pancia andare a fuoco quasi incredula.

Pare che sia un trattamento di medicina tradizionale molto efficace, il suono della parola cinese è Houliao...ma non saprei cosa vuol dire, sta di fatto che è una delle cose più strane e presumo senza senso logico che io abbia mai provato....ma ormai l'ho imparato, non c'è limite al peggio!

Se vi interessano le stranezze dimagranti cinesi seguite i link e troverete le esperienze degli anni passati!

lunedì 21 maggio 2012

Sfumature di azzurro...Malapascua Island


I più affezionati lo sanno....ogni tanto noi scappiamo dalla Cina per raggiungere qualche meta poco turistica dell'Asia...siamo stati nelle filippine già due volte ma non ci è venuto neanche in mente di passare per Boracay (povera Boracay).

Siamo quelli del turismo "alternativo", non cerchiamo i grandi alberghi e neanche la comodità, cerchiamo paesaggi veri da poter ricordare, cerchiamo di arrivare prima del turismo di massa, che rovina un pò tutto...ci piace arrivare in punta di piedi e cerchiamo di non lasciare troppe tracce dietro di noi...che già l'aereo fa i suoi danni!

Questa volta, puntando il dito un pò a caso sulla carta siamo finiti a Malapascua...poco più di uno scoglio nel Visayan Sea.



Giocando alla solita "sfida del Budget", (Big suggerisce un budget ed io cerco di starci dentro), spulcio tutti i siti low cost di voli e viaggi, vi suggerisco Skyscanner, anche se poi a volte le prenotazioni è meglio farle compagnia per compagnia.

Voliamo da Shanghai con la CebuPacific atterriamo a Manila, e poi ci trasferiamo al terminal dei nazionali per volare con la compagnia più low cost che abbia mai incontrato, la Zeist Air.

Questa è una cosa che consiglio a tutti, anche dall'Europa, se dovete prendere, per arrivare a destinazione, uno o più voli, cercate di arrivare nell'aereoporto internazionale che vi interessa e poi da lì, non fate un semplice Transfer, ma bensì uscite svolgete tutte le pratiche d'immigrazione e rientrare al  terminal dei nazionali  con una compagnia locale, facendo questo giochino riuscirete a risparmiare diversi soldini.

Noi da Shanghai a Cebu abbiamo speso 600 euro in 4 (tutti adulti ormai), cercare i voli su varie compagnie ed incastrare terminal ed orari è un lavoretto un pò noioso, ma Vi assicuro che se volete viaggiare veramente low cost è l'unico sistema.

Dall'aereoporto di Cebu ci sono quasi tre ore di macchina su una strada che chiameremo, per essere cortesi, "sterrata" e dopo un'oretta di barca....ma alla fine di questo lungo viaggio vi ritroverete in un paradiso dalle innumerevoli sfumature di azzurro.


L'isola Malapascua è una piccola isola a Nord Est di Cebu, è una tipica isola tropicale con spiagge bianchissime e palme sul mare, il nome Malapascua, significa "Bad Christmas", la battezzarono così gli spagnoli che vi arrivarono nel 1500 proprio in una mattina di Natale durante un terribile uragano.E' proprio un'isoletta  piccola piccola ed in questo periodo di bassa stagione, che va da Maggio a Dicembre, sono veramente pochi i turisti presenti sull'isola, la maggior parte di loro vengono qui per le immersioni, arrivano sub esperti,  per uscire la mattina molto presto a vedere lo squalo volpe.


 Ma anche per chi fa semplicemente snorkeling come noi, mettere la testa a pelo d'acqua può regalarti spettacoli meravigliosi, stelle marine variopinte, coralli, pesciolini (e pescioni) colorati si incontrano molto facilmente, basta lasciarsi cullare dal mare piatto tenendo la testa sott'acqua...ma attenti al sole!

L'isola si gira tutta a piedi in meno di due ore, non ci sono automobili, circola solo qualche motorino scassato  e alcune biciclette, il villaggio è veramente piccolo e molto povero, ma gli sguardi delle persone ed i sorrisi dei bambini sono ricchi di curiosità e attenzione, tutti si fermavano a parlare con noi, e tutti volevano farsi fotografare per poi rivedersi nello schermo dalla macchina fotografica, tutti si meravigliavano difronte ai miei "enormi" ragazzi e al colore di capelli del BiondoMarito.



Gente allegra e disponibile, ci ha aiutato a cercare gli spazzolini da denti che avevamo dimenticato a casa e anche a curare una ferita da Pesce Gatto, i bambini venivano a trovarci ogni mattina per usare le nostre maschere e per giocare con Anziano.

Lascio alle immagini tutto il resto....descrivono sicuramente meglio di me!












Il negozio del paese.


Le provviste che vengono recapitate ogni sera dall'isola vicina....mare permettendo!







giovedì 10 maggio 2012

Figli ed Espatrio

Quando si parte per un’avventura di espratrio e si hanno dei figli, si mettono sulla bilancia un bel pò di variabili, si ha l’entusiamsmo della partenza da una parte, ma anche la paura di sdradicarli di farli diventare degli apolidi senza radici e senza patria, poi se si parte da una realtà a misura d’uomo come il nostro paesello friulano metti in campo anche l’impatto ambientale della scelta. Trasferirsi dal Friuli alla Cina è un bel cambio....niente più campi di granturco a perdita d’occhio, ma palazzoni, inquinamento e smog.

Ed allora perchè lo facciamo? Perchè portiamo via i nostri figli dal Bel Paese? Perchè abbiamo avuto voglia di rimetterci in gioco e soprattutto abbiamo avuto voglia di allargare i loro orizzonti, siamo consapevoli che ci potrebbero essere dei rischi fisici e culturali legati a questa scelta, ma come per ogni cosa, ad ogni azione corrisponde una reazione...la nostra la vedremo nel futuro e speriamo non sia devastante.

I ragazzini Expat sono brillanti ed estroversi, a volte patiscono la lontananza da casa e dalle abitudini familiari, ma si adattano con estrema facilità ad ogni nuova esperienza, familiarizzano con culture e religioni diverse diventando inevitabilmente cittadini del mondo...noi genitori sappiamo di perderli, fisicamente non staranno mai a casa con Mammà avranno sempre i piedi pruriginosi....una volta che si comincia a viaggiare da piccoli il viaggio ti resta appiccicato addosso e non puoi più farne a meno, noi prima o poi ci stancheremo e vorremo tornare a casa, loro fantasticano sul fare l’attrice ad Hollywood, l’Università in America e l’anno sabbatico in giro per l’Australia.

Vivono in un altro modo, molto più semplice e disinvolto, noi abbiamo ancora bisogno del contatto fisico con la nostra terra e con i nostri amici, loro sono amici in modi alternativi, basta Skype o Facebook e tutto si risolve...il mio Anziano, ormai adolescente, riesce a fare dei concerti Rock con gli amici italiani via Skype, passano i pomeriggi piovosi a fare i compiti e a chiacchierare con gli amici lontani migliaia di chilometri in una specie di villaggio globale senza frontiere.

Sembra facile....tutto facile per loro, siamo noi adulti che complichiamo le cose, siamo noi adulti che cerchiamo di mantenere un briciolo di italianità, che cerchiamo di contenere la loro voglia di globalità fornendogli qua e là qualche nozione di cultura italica, parliamo, leggiamo e scriviamo in Italiano...sotto tortura si riesce a vedere anche qualche film in lingua madre.
...
“Dov’è la Liguria?”
“Uhm....è quella sotto, in quella specie di tacco dell’Italia?”
....
La Principazza, nell’intestazione del suo quaderno italiano,(frequentano almeno un mese all’anno di scuola in Italia durante il capodanno cinese), scrive...
Scuola Elementare "Del Mondo di Amici"....il potere mediatico della De Filippi è incredibile!
...
Nella prima pagina del quaderno di “Giometria” mi scriveva...
“Si comunicha ai Signori Genitori che i sindacati U.S.B. anno indeto un giorno di shopper generale...”
....
L’altro giorno ho assistito ad una conversazione surreale tra una cara amica e suo figlio, expat da più di sei anni...
“Mamma, ho preso una cosa, ma so che tu non approvesti!
Che cosa hai preso?
La Bibi Gun (una pistola a pallini per i non capenti)...
Perchè mi racconti questa cosa se sai che non mi piacciono le armi.
Perchè se tu non la volessi, la riporterei indietro.
Lo sai che non mi piace.
Sì...ma c’è una cosa bella, non ho i pallini!”
....

La stessa che si è vista recapitare questo biglietto per la Festa della Mamma...
“Cara Mamma, scusa non ò un regalo però di scrivo questo billieto. Mamma tanti pacci. Di volio bene Mamma.”
...e questo per il suo compleanno...
“Buon Compleano Mamma, di ammo tantisimo. Spero c’è di piace il mio regalo.

Queste sono soddisfazioni...ma solo perchè la mamma si è ostinata a volerlo in italiano, in inglese sarebbe venuto sicuramente meglio.
....

Alla fatina dei denti mia figlia qualche tempo fa....

“Ciao come stai io bene e tu? Lo sai e cuasi il mio conpleanno sarò 11 anni, mi porti una collana che fara innamorare il bambino dei miei sogni? Stami bene Ciao.”

...

Sempre alla fatina....
“Ciao Fatina è successo che mi sono innamorata....se cella fai a farmi più ubbidiente e bella cosi gli piaccio, faro cualsiasi cosa per te. Ciao ci vediamo.”

....
Ci riprova con Babbo Natale....
“Ciao Babbo, come stai? Spero molto bene! Cue sta sara la mia ultima riciesta perchè cuesto regalo costerà per sempre...il regalo e se cela fai una colana che può esaudire i tuoi desideri. Spero che stai bene ciao! P.S. Noi a Natale siamo in Italia”.


Ed è così che le prime conseguenze le paghiamo già da subito....italiani che parlano e scrivono come stranieri, che non sanno dov’è la Liguria ne tanto meno immaginano che ci possa essere qualcuno che si chiama Edmondo de Amicis,  studiano Leonardo da Vinci in una lingua non adatta all’argomento, certo praticano yoga a scuola, hanno assaggiato il Kimchi, parlocchiano in cinese e dialogano in Inglese senza problemi...azioni e reazioni.

Ma io sono positiva, positiva ed ottimista, hanno imparato a leggere e a scrivere in inglese e in cinese...dovessimo tornare a casa ignoreranno la storia italica, ma sono fiduciosa nella loro capacità di ricominciare a leggere e scrivere in italiano.




Dimenticavo....la stessa mamma di cui sopra, dopo aver litigato telefonicamente con il figlio si ritrova questo biglietto sulla porta di casa!


“Mene vado, Caio!”


E siccome il bambino non si chiama Caio....il Caio stava per Ciao!

giovedì 3 maggio 2012

Acquisti sexy all'Auchan

Queste sono settimane concitate....

le regate....

la scuola che sta per finire....

l'International day da preparare....

l'agopuntura da dimagrimento....
(ma questa prima o poi in un post a parte)

il bricolage per l'orfanotrofio....

oltre al solito marasma familiare...

 di adolescenti con la chitarra elettrica e gli amplificatori a palla
 uno...

 e con le minigonne 
l'altra...

di talamo vuoto e consorte sempre in riunione.

Ma potevo lasciarVi senza la chicca della settimana....

Guardate cosa ho trovato all'Auchan vicino alle canottiere della salute....





Noterete le cannottiere della salute sulla destra e le camiciole da notte sul fondo della foto....e con questa ci risentiamo tra un pò con l'Agopuntura dimagrante!

venerdì 20 aprile 2012

Cibi....很好吃!

Cibi....很好吃!

Si intuisce chiaramente il contenuto dell'ovetto!



Per non lasciarVi proprio abbandonati tutto il fine settimana....

finiamo in bellezza!


 Questi ovetti

pare siano molto buoni e facciano benissimo.

 Racchiudono lo Ying e lo Yang in un solo alimento 

che mangiati insieme riescono a riequilibrare il tuo organismo!

IO HO DECISO DI STARE SQUILIBRATA....

che mi sembra più oppotuno!

lunedì 16 aprile 2012

Cibi inquietanti





 Questo forse....vorrei....ma non posso, sono a dieta (purtroppo)!






Ma questo credo sia proprio pesantino,
 magari meno calorico della Milanese stufata con ginocchio di pecora....
ma come dicevo sono a dieta!





Se la solita anima buona che passa di qua vuole tradurre....
magari un due tavoli li assaggio!

venerdì 13 aprile 2012

Chinese advertising



Questo oggi nell'ascensore....
pare che la Marilyn avesse ragione due gocce di Chanel possono fare miracoli!






Le foto sono un pò così....scattate con il telefonino non rendono giustizia alla trovata pubblicitaria!

"I wear nothing but a few drops of Chanel
Every Woman alive wants Chanel
Chanel is the new Viagra"

Ginnastica per la bocca....
ecco non ci avevo mai pensato,
 forse è per questo che corro corro come un cricetino sulla ruota
mi uccido di Pilates....
 ma non dimagrisco?

E' questo il segreto delle Asiatiche?




Ieri al ristorante tra il salsiccie con Crauti e Pureè di patate
stinco di maiale sempre con crauti e  patate

 c'erano le Palle...

molto più costose delle salsiccie e anche dello stinco!

Io non ho avuto il coraggio di sfidare la sorte
 ma se qualcuno che legge il cinese passa di qua e mi fa una traduzione
 io ringrazio!