sabato 17 dicembre 2011

Tempi sospesi e auguri di Natale




Siamo ancora qui....ma i nostri impegni natalizi cinesi sono stati portati a termine, ho fatto gli struffoli e riempito calzette per la Festa di Natale dei Bambini Italiani, ho brindato con tanti amici, ho pianto al concerto di Natale dei bambini di SSIS....quindi questo è il solito tempo sospeso che capita ogni anno, vorrei già essere da qualche altra parte.





Approfitto di questo tempo sospeso per tirare le somme di quest'anno...

Se mi guardo solo un attimo indietro mi rendo conto di quanto è stato fatto in questo anno, di quanto sono cresciuta, di quando ho viaggiato per il mondo e dentro di me, di quanto mi hanno arricchito i paesaggi Balinesi, quanto mi ha emozionato rivedere la mia famiglia siciliane, la terra rossa disseminata di ulivi e carrubi, e di quanto ho sentito vicina la mia mamma, lo stupore infantile difronte ai templi di AngorWat e la cotta adolescenziale per il popolo cambogiano.

Quanto abbiamo fatto, perchè alla fine sono convinta che sono sempre le esperienze che contano i ricordi che ci creiamo e quelli che lasciamo di noi....non avremo mai tante cose e anche quest'anno girerò con la mia vecchia Punto Rossa senza aria condizionata, ma alla fine che mi importa, un viaggio in più una macchina in meno, meglio per me e anche per madre natura!

E poi i miei ragazzi sono diventati grandi, in un anno sono cambiati tantissimo, due adolescenti in giro per casa....non è facile neanche un pò, e sono sempre più felice che questo tipo di vita mi regali del tempo libero da passare con loro ad ascoltare e chiacchierare, a fare i compiti e a rispondere a domande strane, tempo per accogliere amici rumorosi e assistere la Principazza nei numerosi cambi d'abito oltre che al trucco e al parrucco.

Bilancio positivo?
Ma sì, se oltre a quello che la vita ci offre ci mettiamo anche noi ad essere negativi....positivo, certo viviamo come color che sono sospesi, per dirla come Dante, ma questi sono gli imprevisti del mestiere, ma per il momento siamo qui e adesso, godiamoci il momento....sono un pò cicala? 

Vi ho già detto che anche quest'anno patirò il caldo d'estate e morirò di freddo di inverno nella mia non più fiammante Punto Rossa?

Auguri a tutti Voi, a tutti coloro che hanno viaggiato con me, alle belle persone che ho conosciuto quest'anno proprio tramite il mio Blog, e soprattutto a quelle che sono diventate amicizie reali, Auguri ai bambini viaggiatori e viaggianti che incontro ogni giorno, loro sono una forza della natura si adattano alle situazioni più imprevedibili accettano tutte le culture senza preconcetti, si inseriscono in realtà nuove e totalmente diverse dalle loro....bambini che dal paesino di campagna italiano passano alla grande scuola Internazionale di Suzhou, cantano e ballano canzoncine natalizie in una lingua che non è la loro su di un grande palco multietnico e vivono quotidianamente una realtà scolastica lontanissima da quella vissuta fin'ora....io Vi ammiro tantissimo, ammiro la Vostra timida spigliatezza, le Vostre amicizie colorate, le Vostre chat su Skype in tre lingue differenti, la vostra semplice presa di coscienza nello essere cittadini mondiali....l'Italia è il focolare che sempre Vi accoglierà ma il Mondo,  tutto il mondo sarà la Vostra casa!

Auguri di uno splendido Natale a tutti Voi!

Noi ci risentiamo dall'Italia.


lunedì 12 dicembre 2011

Bigger is Better


Stamattina mi è capitato tra le mani un giornaletto, sfogliandolo distrattamente durante la colazione mi è saltato all'occhio un articolo.

Il titolo dell'articolo era "Bigger is Better"....è finalmente mi sono detta, qualcuno che ammette che le dimensioni contano e non la solita menata...."l'importante è come lo si usa"....le dimensioni (come le parole) sono importanti.

Il mio sguardo assonato si sposta sulla fotina in fondo alla pagina, l'immagine di  un bel seno prosperoso in primo piano.

"Bigger is Better"
Six Breast augmentations without Surgery

Che il seno piccolo sia un cruccio delle asiatiche è abbastanza palese, in Cina è tutto imbottito anche le canottiere nascono già con il seno incorporato, ci sono anche morbide imbottiture in silicone da infilarsi dentro il reggiseno....qualche volta ci sono anche le mutande imbottite sul didietro, ma quella è un'altra storia, concentriamoci sul davanti.

I consigli dell'articolo in questione era più o meno questi:

  1. Aumentate di peso. Il seno è fatto prevalentemente di grasso, quindi ha senso dire che meno grasso corporeo avete più piccole saranno le vostre tette. (...e il culo dove lo mettiamo, ma forse alle asiatiche va tutto sulle tette? Anche il culo è fatto di grasso....Ergo...).
  2. Esercizio. I muscoli pettorali sono direttamente sotto il vostro seno, se li fate lavorare le vostre tette diventeranno più piene e sode. (Niente da dire ci può stare).
  3. Prendete le vitamine. Prendete le vitamine A ed E, che migliorano la salute dei tessuti e anche la vitamina C che aiuta il corpo nella produzione di collagene, e se dopo un pò non noterete la differenza non disperate le vitamine fanno bene comunque a tutto il corpo. (San Gennaro....o'miracolo glielo fai tu?).
  4. Provate la medicina tradizionale cinese. Mi risparmio (e Vi risparmio) di elencare tutte le varie erbe ed erbette che neccessitano alla crescita della materia prima in questione.
  5. Fatevi un massaggio. Può sembrare una strana idea, (forse la giornalista sta prendendo consapevolezza di se stessa) ma è una modo fantastico di migliorare la circolazione, pulire le ghiandole linfatiche e rendere la pelle tonica, se non avete un uomo che vi aiuta potrete rivolgervi alla nostra Spa, Vi offriamo 45 minuti di massaggio per circa 60 euro.
  6. Prendete gli estrogeni. Se nulla di cui sopra funziona prendete gli estrogeni, il seno piccolo è spesso sintomo di una mancanza di estrogeni (il culo grosso spesso sintomo di eccesso di cioccolata nel sangue), una pastiglietta vi può aiutare, sono reperibili in maniera semplice ed economica su TaoBao, ma ricordate che l'aumento incontrollato del livello degli estrogeni è strettamente correlato ad alcune patologie tumorali.
Ho tradotto in maniera approssimativa, ma alcuni passaggi sono riportati fedelemente....rassegnatevi (io volevo essere bionda), niente tette e niente culo, ma neanche cellulite e rughe, voi con un paio di imbottiture risolvete il problema noi avremmo bisogno di un'affettatrice!



lunedì 5 dicembre 2011

Acchiappata dal Natale


Si è fatto quel periodo dell'anno....almeno sul calendario è arrivato l'inverno, i ragazzi Go cominciano a cantare le canzoncine di Natale fioccano letterine per Santa e buoni propositi per il nuovo anno, la micina freddolosa si rifugia sull'ultimo scaffale della libreria per prendersi tutto il caldo e saltella da un divano all'altro pur di non poggiare i piedi a terra, spuntano alberi di Natale un pò ovunque e quindi anche lontano diverse migliaia di chilometri sono stata acchiappata dallo spirito natalizio, ci siamo rincorsi per un pò, ma alla fine sono stata proprio acchiappata.

Lo spirito natalizio in realtà non si percepisce molto, le temperature continuano ad essere piuttosto miti e si trovano le fragole al mercato, per calarmi meglio nel mood natalizio preparo torte di mele e cannella ma una volta acceso il forno mi tocca girare per la cucina in canottiera....e la canottiera non fa molto Natale.

Il vero Natale ci arriverà  addosso tutto in un colpo quando atterreremo in Italia, l'aria frizzantina, il cielo azzurrissimo, le nuvole sulle montagne bianche, tutte le case illuminate, i grandi pini addobbati fino a dove si può ( li ho sempre trovati molto approssimativi addobbati a metà....ma chi avrebbe mai pensato crescesse tanto) e perchè no anche quei brutti babbi impiccati alle finestre.

Il Natale è casa, per Natale ho bisogno di riallineare  il mio punto di vista, riavvicinarmi alle radici, allontanarmi  dai brillini dei centri commerciali e dalla confusione "regalesca", vorrei trovare la dispensa piena e non dover uscire di casa almeno fino a Capodanno, vorrei starmene in cucina a friggere baccalà per quelli del Sud e stufare cotechino e lenticchie per quelli del Nord, sciogliere il miele per gli struffoli e montare il mascarpone per Big che senza quello il Pandoro come lo mangio....ho bisogno di passare il tempo con gli amici bevendo caffè, mangiando pandoro e torroncini, ho bisogno di impacchettare regalini scelti con cura durante queste ultime settimane e sistemare la mia casa, renderla profumata, accogliente.

Sono stata acchiappata dallo spirito Natalizio, e non vedo l'ora di portarmelo a casa, l'albero e le decorazioni sono state fatte anche nella casetta Suzhouese, ma gli addobbi storici sono riposti con cura in Italia....per il momento canticchio "Tu scendi dalle stelle" e rivedo per la milionesima volta "Natale in casa Cupiello" che per le persone del Sud è come "Sette Spose per Sette Fratelli" o "La vita è una cosa meravigliosa".....continuo a stupirmi del genio di Eduardo e mi fa veramente ridere la letterina di Natale del Ninnillo ancora adesso dopo trent'anni.

Colpita e affondata ma ancora per una 15 di giorni mi dovrò accontentare del Xstmas Coffee di Starbucks...sorella arrivo....prepara "O'Presepe".


giovedì 1 dicembre 2011

Spogliatoi

Il mal di schiena mi ha abbandonato da un pò e quindi mi sono subito iscritta in palestra, ma il bello della palestra non è la palestra stessa, dove più o meno accade tutto come in tutte le palestre del mondo, certo ci sono corsi un pò diversi e nessuno che cammina all'indietro sul tapis roulant, il Tai Chi con i ventagli e le spade magari voi non lo fate, e forse non avete neanche il corso di Danza del Ventre, dove vedrete anche sempre qualche uomo dimenare i fianchi insieme a tantissime ragazze cinesi dure come bastoni di legno.....non hanno ne pancia nè fianchi, poverine fanno quello che possono.


Il Bello, parlavamo del bello della palestra, il bello della palestra sono gli spogliatoi, un mondo a parte, lontano da ogni immaginazione, le cinesine negli spogliatoi si muovono con una disinvoltura e una mancanza di pudore inimmaginabile per noi italiani cresciuti con la mamma che ci diceva di "coprire le vergogne", queste ragazze vivono il loro corpo come fosse il corpo di tutti, mi spiego meglio.


Donne o ragazze, grasse (pochissime) o magre, si muovono nello spogliatoio nude, entrano si tolgono i vestiti sudati e con il loro asciugamano sotto al braccio (non intorno al corpo) vanno a farsi la doccia, lungo il tragitto armadietto/doccia possono succedere mille cose, incontri un amica e ti fermi a fare quattro chiacchiere, arriva l'istruttrice di yoga e ti spiega come mantenere una posizione, una compagna di corso ha comprato una nuova crema puzzolentissima e te ne spiega tutti i vantaggi, un'altra ti mostra i lividi del suo ultimo massaggio.....moltiplicate tutto questo per 30 e provate ad immaginare la scena, per noi donne una sorta di girone dantesco....tutti nudi, spogliati delle nostre vanità con la cellulite in mostra in cerca della strada che finalmente ci conduca all'acqua....per gli uomini un paradiso, tutte queste donne nude che chiacchierano e replicano posizioni yogiche senza vestirsi mai.


Il dopo doccia è forse anche peggio....perchè dopo la doccia cominciano una serie di operazioni che tutte noi donne conosciamo bene, ma che in un luogo pubblico svolgiamo con un minimo di pudore, mettersi la crema viso, asciugarsi i capelli, truccarsi, darsi l'idratante e l'anticellulite sulle gambe...tutto sempre nude e tanto per specificare, quando ho scritto si asciugano i capelli intendevo si asciugano tutti i peli del loro piccolo corpicino.


Ecco capite bene che in un posto così non sono troppo a mio agio, vado molto volentieri in palestra mi piacciono i corsi ed ormai capisco anche quasi tutte le istruzioni che mi danno, ma gli spogliatoi restano un mondo a parte, mi colpisce la loro disinvoltura e sicurezza, noi tendiamo a nasconderci, anche quelle più magre di noi in un luogo pubblico si spogliano con un pò di imbarazzo....queste sono quasi tutte magrine ma bruttine, usano creme alle erbe puzzolenti, hanno la stessa biancheria intima di Bridget Jones, hanno la schiena martoriata dalle varie pratiche di massaggio cinese e pure si muovono nella loro nudità con una disinvoltura invidiabile....qual'è sarà il segreto?
A noi dicevano "copriti le vergogne"....a loro?