mercoledì 26 dicembre 2007

Natale a Shanghai


MA QUANTO SARA
L'impatto con Shanghai è stato molto forte, è la città più grande e dinamica di tutta la Cina ed ha una popolazione di quasi 15milioni di abitanti, arrivando passi sul ponte Yangpu che è stato costruito nel 1993 ed è uno dei più grandi ponti a trazione del mondo....ma vi dirò che è tutto grande, la Nanjinglu che è una strada di negozi dove si trovano gli store delle maggiori griffe europee è lunga quasi 10km...una bella camminata di shopping....ci sono grattacieli altissimi, noi siamo saliti sul JinmaoDasha che e alto 421 metri, ti portano su con un'ascensore che ci mette 40secondi per fare 88 piani, poi da lassù ti godi la vista di tutto il Pudong, proprio accanto al Jinmao stanno ultimando la costruzione del grattacielo del centro finanziario di Shanghai che sarà alto 460 metri. Abbiamo portato i bambini a comprare i regali di Natale, visto che Babbo Natale in Cina non c'è la faceva ad arrivare, in un Toy enorme, erano tutti e due con gli occhi fuori dalle orbite, l'Anziano non sapeva scegliere, Principessa C si è persa in un reparto completamente dedicato ad Hello Kitty (che loro adorano), alla fine simo riusciti con fatica a portaci fuori la pelle, erano come drogati vedevano sempre qualcosa di nuovo, di più bello, di più divertente....nel pomeriggio abbiamo visitato la città vecchia, che è un grande bazar con costruzioni tradizionali dove trovi di tutto, dai souvenir alle medicine tradizionali, e dove puoi vedere come preparano i ravioli al vapore...questa parte è molto caratteristica c'è anche il tempio taoista del patrono della città, all'interno della città vecchia si trovano anche i giardini Yu che hanno delle bellissime formazioni rocciose artificiali dell'epoca Ming, questi giardini sono veramente fantastici con tanti piccoli cortili, ponticelli, cascatelle e pesci rossi. Abbiamo anche cenato in un ristorante all'interno di quella che chiamano concessione francese dove ci sono dei quartieri che ricordano molto i centri storici delle città europee,  ci sono pasticcerie, boutique e anche parecchie gallerie d'arte. Qui a Shanghai risultiamo molto meno esotici, e adirittura abbiamo trovato in metro un cinese che parlava benissimo l'italiano...dimenticavo di dirvi che il nostro albergo che era supermoderno in un grattacielo di 37 piani, ma nell'ascensore non aveva indicato ne il 4°piano ne il 14° piano perchè il numero 4, incinese, ha lo stesso suono della parola morte, quindi non si usa perchè porta molta sfortuna....pazzesco stanno conquistando il mondo, sono il miracolo economico, eppure anche nella modernità più estremizzata si tiene conto della tradizione che in questo caso si identifica con la superstizione.Vi prendo ancora un pò di tempo per mettervi a conoscenza della mia avventura gastronomica,siamo stati a mangiare in un elegante ristorante cinese, perchè chi mi conosce lo sà, mi piace assaggiare e sono una curiosa di natura però....qua ci vuole proprio lo stomaco di ferro...c'era lo squalo cucinato in molti modi, i nidi e le uova di svariati tipi di uccelli, e noi non sapevamo proprio cosa ordinare, anche perchè c'erano i bimbi, l' Anziano assaggia sempre quasi tutto, ma Principessa C normalmente si nutre di pasta in bianco...ci siamo affidati alla fù-ù iuen (cameriera) che ci sembrava molto gentile e soprattutto capiva l'inglese raccomndandoci che non ci portasse cose troppo particolari o speziate...sono arrivate delle verdure al vapore, buone, dai colori molto vivi ma non riconoscibili, poi dei ravioli con i gamberi un pò simili a quelli che si trovano al cinese in Italia, buoni, una zuppa con dentro spaghettini e qualcosa tipo delle polpettine, buona,una zuppa di riso e vedure, buona, e poi la specialità della casa che non potevamo non assaggiare, c'era dentro sicuramente del tofu, un pesce sensa spine ma con le squame, le verdure indefinite, molte spezie....ne ho mangiato quasi una ciotolina intera per fare onore alla specialità del posto ma è stata molto dura.... del pollo intero con tutte le sue ossicine vi racconterò un altra volta.... 

Nessun commento:

Posta un commento