giovedì 26 maggio 2011

QUASI GIUGNO....QUASI CASA



C’è chi si fa tutto il giro del lago con i roller e c’è chi passeggia con un sorriso ebete.

Ci sono i runner che contano i chilometri e i minuti e chi corre per scappare dalla propria cellulite.

C’è chi si fa montare delle parabole enormi per ricevere anche i canali regionali italiani e chi si rinchiude nella sua bolla emozionale.

C’è chi ogni giorno si fa almeno 20  km  in bicicletta e chi mangia solo insalata con le bacchette.

C’è chi riempie le valigie di seta e di cachemere e fa foto per ricordare, e chi invece non vede l’ora di andare.

E poi c’è chi deve tornare....e chi proprio non ci voleva venire.

C’è chi cerca una tata per i pesci rossi  e c’è anche chi ha adottato una piccola aragosta.

Ci sono gli addi, i saluti, i progetti, le cene, i pranzi e le uscite goliardiche.

Ci sono le sartine che tagliano e cuciono  abiti che finiranno in ogni angolo di mondo...hanno delle scandenze tutti stanno per partire.


Che sia quasi giugno lo si avverte da queste cose, la comunità expat è in fermento, a giugno finiscono le scuole e tutti tornano a casa, chi per un pò chi per restare. Almeno fino alla fine di agosto la comunità expat sarà composta prevalentemente da uomini.
E quindi c’è la corsa alla “Remise en Forme” e all’acquisto dei ricordi che vuoi portarti a casa, ed io?
 Io sono quella che si aggira sul lungo lago con il sorriso ebete....penso alla mia sorellina e alle chiacchiere estive che affolleranno il mio piccolo giardino, alle mozzarelle di bufala, e al mare della Sicilia.
E’ quasi giugno....quasi casa.


                             

Nessun commento:

Posta un commento