lunedì 23 maggio 2011

ETÀ ANAGRAFICA....ETÀ STAGIONALE



C'è poco da fare i cambi stagioni mi stressano più che cambiare continente.

Sono sempre più convinta che l'età sia una condizione mentale di solito ho vent'anni a volte anche meno, durante i cambi stagione me ne ritrovo almeno 60 con tutte le magagne fisiche del caso.

Mi si sono ripresentati i calcoli renali, subdoli loro, per il terzo anno di seguito.
Dovrei trovare un posto del mondo con un clima costante....oppure rincorrere le stagioni al loro divenire.
Il cambio stagione unito al fatto di convivere con due adolescenti ed un marito "sempreverde" mettono a dura prova la mia salute fisica e mentale.

Per l'Anziano io dovrei programmare i rientri in base alle ferie dei suoi amici in Italia, scedulare i miei movimenti in modo da farlo stare più possibile con i ragazzi del quartierino, sono ormai settimane che mi organizza l'estate, con lui si parla solo di computer, giochini online, uscite con gli amici.

La Principazza, lo dice la parola stessa, sta mettendo a dura prova la salute mentale mia e dei suoi insegnanti, allergica ad ogni tipo di regola, non esegue nessun ordine senza averne disquisito preventivamente in abbondanza, fa solo i compiti che ritiene interessanti, tipo scrivere racconti di fantascienza, poesie o costruire modellini di buchi neri e sistemi solari(con tanto di stelle in strass rosa e azzurro), ormai il suo insegnante ci ha rinunciato, la scorsa settimana non l'ha neanche portata in gita, non mi ascolta e non mi ubbidisce, mi ha scritto in una mail, quindi non mi fido a portarlafuori.
Il malcapitato le aveva semplicemente chiesto di scalare di un posto durante una performance a scuola...

" No.... Io dietro a quello li non mi siedo, non mi sta simpatico ha i pantaloni piccoli e gli si vedono le mutande!"

....più chiaro di così, questa esternazione gli è costata la gita!


Il mio Biondomarito sente l'arrivo dei fatidici 40, quindi non potendosi permettere una Ferrari e neanche un'amante, (sono un pò dispendiosa come consorte), ha cominciato a comportarsi da adolescente anche lui, tale padre....tale figlio.

Si mette le collanine di legno e i braccialettini di corda, i jeans strappati e le camicine di lino azzuro come i suoi occhi, passa ore all'Apple Store, gioca a Guitar Hero, manda solo sms (tanti sms al giorno anche con le faccine ;) :=) :0) :( ),sta rileggendo la Divina Commedia e l'Iliade (me lo sento che fra un pò arriva anche Siddartha), passa ore a giocare al villaggio dei Puffi rapito dalle grazie della bionda puffetta, sul suo ITouch ha applicazioni per qualsiasi cosa, vuole provare ogni sport e soprattutto dimostrare di essere bravissimo in tutto, so che non riuscirò a farlo desistere ancora a lungo dall'acquistare una moto, per la quale non molto tempo fà si stava comprando due caschi modello vichingo (bella sarei in giro per Suzhou con due cornoni ricurvi sulla testa)....perchè il problema non è che lui sia giovane, ma che io debba convivere nei miei momenti di "vecchiaia" con uno così giovane e spensierato, devo giocare ai videogiochi con lui, andare a vedere la Formula uno, andare a vedere che  gioca a Badmington, correre intorno al lago, fare gli apprezzamenti ai suoi addominali, fare le scampagnate in bicicletta, passare ore al Decathlon per scegliere un paio di scarpe.

In questi momenti vorrei solo una copertina e un bel libro...restare immobile ad aspettare che la stagione cambi, si stabilizzi, in modo da riavere indietro i miei 20 anni e ricominciare a giocare con la mia famiglia di ragazzini.

Nessun commento:

Posta un commento