martedì 22 febbraio 2011

MANGIA PREGA AMA



....mi sento esattamente come Liz....

Ho pregato mentre ero in Cina, i miei mantra quotidiani ed i miei stentatissimi esercizi di yoga mi hanno consentito di tirare avanti in terra straniera, continuamente mi sono fatta domande ed ho cercato risposte soprattutto dentro di me, ma anche nell'universo.
Ho fatto domande precise ed ottenuto risposte spesso non troppo esaurienti.
Adesso mi trovo a casa, e sono sazia, talmente sazia che non riesco a formulare pensieri, pancia ed anima pieni, attimi di tranquillità mentale che mi fanno sentire appagata e felice.
Non ho grossi bisogni in realtà, mi perdo nella schiuma del cappuccino e nel profumo delle Brioches, nel bianco candido di una mozzarella e nella crosta della pizza.
Ogni volta che arrivo in Italia mi nutro, nutro il mio corpo come se non dovesse mangiare mai più, nutro il mio corpo e quello degli amici che mi sono vicini, e come se volessi lasciarmi dietro tracce profumate di me.
Godo della lussuria del cibo non è più bisogno è godimento puro, apparecchio e mi siedo a tavola, a volte anche da sola, concentrata sulla mia pasta al sugo, vorrei avere il basilico fresco....questo è il mio unico cruccio non penso alla cellulite e neanche alla ciccia.
Ho la mente stanca dal piacere che provo a vivere in Italia....non riesco a formulare idee e pensieri, sono molto più creativa e reattiva in Cina...qui leggo e mangio non devo lottare per la sopravvivenze e non devo farmi troppe domande.
Ho comprato il libro di Liz Gilbert "Mangia Prega Ama" su consiglio di una cara amica e soprattutto perchè la fine del suo viaggio è a Bali.
Bali è anche il nostro prossimo progetto di viaggio (ad aprile voleremo a Bali) e mi piacerebbe riuscire ad afferrare l'anima del posto allontarmi dai percorsi turistici, e stato soprattutto questo che mi ha avvicinato a questo libro che mi piace molto, una sorta di manuale di autoaiuto in realtà, ma oltre ai racconti da Bali ho goduto di tutto il suo viaggio, la descrizione dei luoghi, dei modi e della lingua italiana visti dagli occhi di uno straniero sono impagabili.
Ecco per finire ho pregato in Cina, Dio solo sa quanto ho pregato e a quante domande ha dovuto rispondere, mangio e nutro il mio corpo in Italia, solo io so quanto e cosa riesco ad assaporare in un giorno, andrò ad amare a Bali non so ancora esattamente dove, proprio come Liz ho solo i biglietti aerei e qualche guida, forse Ubud forse le isole Gili sicuramente non la Bali degli albergoni e dei turisti rumorosi.

A presto amici miei e grazie per l'affetto!

Nessun commento:

Posta un commento