venerdì 29 gennaio 2010

GUASHA








Ormai sono una di loro....
la mia Caccaguru oggi mi ha affidato una spatola per il Guasha, mi ha detto che sono in grado di gusharmi da sola le gambe, non posso toccarmi la pancia...ma le gambe sì...sono in grado di farlo da sola.
Dopo un'accurata analisi delle mie cosce, mi ha spiegato che ho un blocco sulla parte alta delle gambe (cellulite dico io....mancanza di energia vitale dice lei), e che dovrei guashare le mie gambe almeno per dieci minuti al giorno per sbloccare i flussi vitali, fatto ciò devo tenere i piedi a bagno con lo zenzero almeno mezz'ora in acqua bollente....steam your feet...sono state le sue testuali parole.

Tornerò a casa con delle gambe bellissime...non garantisco sui piedi

giovedì 28 gennaio 2010

FARMVILLE E L'ANZIANO AGRICOLTORE





Frasi come...

"...devo raccogliere le zucchine..."

"...se non torniamo a casa in fretta mi si seccano i carciofi..."

"...quasi quasi pianterei del frumento..."

"...devo assolutamente compararmi un trattore..."

"...mi è arrivata una mucca aliena..."

...sono all'ordine del giorno in casa Golosa, l'Anziano agricoltore ha usurpato l'account di facebook di MammaGò, per giocare alla fattoria con la sua ZiaGò dall'Italia, si piantano messaggi nel campo, scambiandosi amene composizioni floreali, mucche, galline e cavalli.

Mi mostra tronfio la sua meravigliosa fattoria, raccontandomi di ogni singola mucca e gallina, di ogni pianta, e dei vicini di casa, mentre io rivorrei solo il mio computer.

La passione per l'agricoltura  è una buona cosa...ma secondo voi quanto dura?

Vorrei di nuovo riappropriarmi del mio account, senza passare attraverso le ire dell'Anziano Agricoltore!

mercoledì 20 gennaio 2010

AVATAR IN CINA



La famiglia Go domenica scorsa è andata per la prima volta al cinema qui in Cina, non  arrivano molti film in lingua comprensibile, circa una ventina all'anno l'ultimo è stato "2012" e quindi ne abbiamo approfittato incuriositi anche dall'animazione in 3D.
Alla fine del film la Principessa desiderava con tutte le sue forze una coda, l'Anziano uno di quei computer super tecnologici, Mammagò e Mr.Big speravano in un Avatar che potesse sostenerli nella difficile vita quotidiana.
Quasi subito si intuisce che gli invasori se ne torneranno a casa conciati malamente facendoci anche una pessima figura, cosa che ai miei occhi aveva giustificato la programmazione di questo film in un paese come la Cina che in quanto a censura non scherza.

Io personalmente, ho sovrapposto il popolo cinese a quello di Pandora, che forte delle proprie tradizioni e della propria cultura riesce a scacciare l'invasore nonostante la sua tecnologia all'avanguardia.

Ieri girando in rete leggo che film è stato ritirato dalle sale, approfondendo un pò si capisce che non è stato ritirato da tutte le sale, è rimasto solo nelle sale 3D, che sono le più costose e le meno numerose, il biglietto a noi è costato 90yuan, un pò meno di 10 euro, a parer mio (Casalinga di Suzhou) mi sembra si facciano tante illazioni, pare che lo sfratto del popolo di Pandora a qualcuno abbia ricordato quello dei cinesi dalle loro case per assecondare progetti edilizi governativi, qualcun'altro ci ha visto la lotta degli Uighuri e dei Tibetani.
Personalmente credo che se fosse sembrato "pericoloso" per il popolo non lo avrebbero lasciato neanche nelle sale 3D, i cinesi al cinema con noi si sono fatti delle gran risate ai danni degli americani sconfitti, credo piuttosto alla scelta commerciale, vogliono semplicemente promuovere il nuovo film sulla vita di Confucio, anche in concomitanza con il capodanno cinese che terrà a casa per quasi dieci giorni tutti i lavoratori, e per un mese i bambini che frequentano le scuole cinesi, c'è anche da dire che il film in 3D ha riscosso molto più successo di quello in 2D il che già giustificherebbe il sacrificio di queste sale in favore del film su Confucio.



DA Wikipedia

...
Dietrologia è un termine coniato in Italia negli anni settanta in ambito politico e in senso polemico per indicare chi ritiene che un evento sia dovuto a cause diverse da quelle manifeste o conosciute, collegabili a trame oscure, presumendo di conoscere e poter rivelare quello che si nasconde "dietro" la facciata ufficiale degli avvenimenti storici. Il punto cardine dei dietrologi è la domanda "cui prodest?" "a chi giova" un determinato fatto, sottintendendo l'ipotesi che tale avvenimento potrebbe essere stato provocato ad arte.

 


giovedì 14 gennaio 2010

UNO SGUARDO DALL'INTERNO




La signora Pochaontas  mi ha lasciato tra i commenti dell'ultimo post due collegamenti ad altrettanti due articoli che l'hanno fatta pensare a me, la cosa mi ha fatto ragionare e mi ha spinto a condividere con Voi il mio sguardo dall'interno rispetto a questi argomenti, solitamente non parlo di argomenti seri, ma per questa volta sopportatemi.
Il primo parla della liberalizzazione di Google in Cina, il secondo collegamento mi ha portato ad una serie di foto scattate in un ospizio di Pechino.

Ho già parlato abbondantemente nel mio Blog della censura cinese, più volte ne sono stata vittima ma molte volte ne sono stata carnefice, i sistemi per aggirare la Grande Muraglia ci sono ed i giovani internauti cinesi li conoscono molto bene, ho letto l'articolo e ci ho ragionato,  il "collaborazionismo" di Google fa parte di una scelta economica che altrimenti gli avrebbe precluso una enorme fetta di mercato(360milioni di internauti),  e questa, successiva, scelta "coraggiosa" arriva secondo me in un momento di estrema visibilità cinese, da tutto il mondo si guarda verso oriente, e Google ci prova a salvare la faccia all'America.
Per quello che ne penso io (Casalinga di Suzhou), e per quel poco che conosco i cinesi, non faranno un passo indietro rispetto alla censura, continueranno a sostenere che per il bene del popolo internet deve essere gestito a livello statale, per non minacciare la stabilità nazionale, continueranno a sostenere che pornografia e contenuti politicamente sensibili non fanno bene alla nazione,  tutti ma proprio tutti sanno che per lavorare e guadagnare in Cina c'è una sola condizione,  rispettare le leggi cinesi per quanto anacronistiche e atroci ci possano sembrare, quindi presumo che Google si adeguerà o lascerà il mercato in mano a Baidu ( il principale motore di ricerca cinese che ad oggi detiene comunque il 70%).


L'altro collegamento mi ha portato ad una serie di foto, "La Cina della Terza età. Il Dramma negli Ospizi", io ho guardato e riguardato quelle foto, e non ci ho visto il dramma negli ospizi, ma piuttosto il dramma della vecchiaia, il dramma per una vita che finisce.
Quello cinese è un popolo vecchio, è un dato di fatto, la politica del figlio unico e la mancanza di un sitema pensionistico, hanno sicuramente amplificato le problematiche della vecchiaia.
I vecchietti che incontro io sono seduti in circolo, qualcuno anche con la sedia a rotelle fuori dal Tempio, nella zona vecchia di Suzhou, se ne stanno li a chiacchierare prendendo il sole, oppure passeggiano portando a spasso l'uccellino, lavano i vestiti e le pentole nel fiume, si aggirano tra le bancarelle degli animali comparando qualche pesciolino o magari un grillo.
Gli anziani vengono impiegati fino a tarda età in lavoretti semplici e poco faticosi, tipo il giardinaggio o la pulizia delle strade, si muovono sempre in gruppo con i loro fazzoletti in testa e le pale, vanno da un giardino all'altro a piantare viole in inverno, ma poco importa, loro si sentono utili al governo e non pesano sui figli, perchè non essendoci un sitema pensionistico sono i figli che sostengono i padri. La densità e la promiscuità che queste foto ci fanno vedere sono del tutto normali in Cina, lo sono negli ospedali che io ho fequentato in più occasioni, e sicuramente lo sono negli ospizi, lo sono nella vita normale in un appartamento di 100mq ci vivono almeno 4 famiglie, solitamente imparentate fra di loro. Gli spazi sono ridotti, mi meraviglio ancora oggi di quante persone riescono a starci in un ascensore. L'anzianità in Cina è rispettata, i ruoli sono fondamentali, quindi il figlio si prendera cura del padre, come il padre si prende cura del figlio. In quelle foto ho visto il dramma della vecchiaia, la fine di una vita, ma non il dramma degli ospizi. Ho riconosciuto gesti affettuosi, gesti tipicamente cinesi, di assistenza e di conforto. Sono molto curiosa di sapere cosa ci vedete voi.

La maggiore "religione" in Cina è il Confucianesimo, forse questa frase spiega molte cose.

Questo è uno dei principi del confucianesimo


There is government, when the prince is prince, and the minister is minister; when the father is father, and the son is son.

martedì 12 gennaio 2010

MI SI SONO CINESIZZATI I RAGAZZI


Aspettare il Taxi accucciati a terra....

bere te a tutte le ore del giorno...

leggere i sottotitoli in Cinese...

mangiare elegantemente con le bacchette...

dire "wèi shén me" invece di perchè...

...farsi scappare (sempre molto elegantemente) qualche rumore corporeo...

tracciarsi sul palmo delle mani (in ideogrammi) il proprio indirizzo di casa...

mangiare patatine al pisello e alghe per merenda...

una povera mamma sopporta tutto...

ma che mi si rifiuti un cotechino (portato dall'Italia) accompagnato da lenticchie di Castelluccio e purè per questi noodle liofizzati....





E' VERAMENTE TROPPO.

SECONDO ME SIAMO PRONTI PER IL RIMPATRIO!

Cinesizzazione ragazzi effettuata con successo.- Stop


(A beneficio di quelli che ci conosco, anche la Princi ha finito la sua scatoletta!)



lunedì 4 gennaio 2010

STRANE VISIONI DI UNA ZIA IN CINA



Attraverso gli occhi dei miei ospiti mi sono resa conto che la mia famiglia sta crescendo in un luogo strano, bizzaro, improbabile...mia sorella fotografa tutto ed attraverso le sue foto mi fa notare cose che ormai mi sono invisibili, al supermercato mi fa notare le vasche piene di rospi e tartarughe, così io le faccio notare che vicino ci sono anche i lumaconi di mare, merce preziosissima (alcune specie costano anche 1000 euro al chilo) e richiestissima soprattutto dagli uomini, pare faccia miracoli, meglio del Viagra.
Mi fa notare che la mia Ayi non pulisce mai i vetri, così io le spiego che i vetri come tutte le altre superfici nascoste dai soprammobili, e che non hanno una funzione specifica rientrano in quella categoria di cose che non necessitano di essere pulite.
Mi fa notare che le persone camminano all'indietro nei parchi, e che sono vestiti come Robocop, e che ci sono sassi e funghi che suonano lungo la strada. Si chiede, ormai da giorni, come mai non riesce ad infilarsi nemmeno in una XXL, e come sia possibile che non ci siano scarpe della sua misura, si chiede come mai mangino continuamente pur essendo cosi magre, si chiede da giorni quale sia il segreto, il tè verde? I massaggi? Lo yoga? Le rispondo che hanno un gran culo, qualsiasi occidentale può farsi venire una nefrite a forza di tè verde, e diventare un maestro yogico, ma il culo grosso  e la cellulite resterà tale e quale.
Si stupisce difronte alla gentilezza asiatica, si stupisce che tutti gli dicano "Vai Piano!" quando esce da un locale, si stupisce difronte alla continua offerta di tè ed acqua calda, difronte alla Ayi che dice di coprirti bene prima di uscire.
Resta colpita dagli enormi palazzoni, e dalle piccole e storiche città d'acqua, Venezie d'oriente costruite ad hoc per i turisti, resta ammutolita difronte alla presa di coscienza che non esiste un sistema pensionistico e neanche ospedaliero, e che ci siano ben 70 reati per cui sia applicabile la pena di morte, continua ad inciampare negli scalini rialzati che dovrebbero tenere lontani gli spiriti maligni.
Resta incantata difronte ai bambini dalle guanciotte rubizze  vestiti con almeno 5 strati ma con i pantaloni aperti tra le gambe per fare la pipì che se ne vanno in giro barcollando goffamente a causa di tutti quei vestiti.
Ha ormai assaggiato tutti i tipi di Jiaozi e Baozi, l'anatra pechinese, ed il cosciotto di maiale di Zhouzhuang, tutti i tipi di noodle e riso, ha provato tutti i tipi di massaggi compreso il Guasha della Caccaguru, siamo stati anche dall'Agopuntore per un mio dolore alla schiena, il quale è soprannominato Mr.Good perchè Good è l'unica parola che capisce e sa dire in Inglese, lei con ammirazione ci guardava mentre comunicavamo in un Chinglish approssimativo, e con timore guardava lui mentre mi infilava gli aghi nella schiena e nei piedi.
Si guarda intorno con occhi stupiti assaporando tutto quello che le capita a tiro, e mettendomi sotto gli occhi cose che ormai mi sembravano scontate, si perchè alla vita cinese ci si abitua, si litiga ogni giorno con le piccole cose, con i piccoli intoppi che sarebbero facilmente superabili se i percorsi mentali di questo meraviglioso popolo non fossero così diversi dai nostri, ci si scontra con la lontananza mentale e con le stranezze troppo strane, ma ci si abitua  a tutto il resto...da qualche giorno la Ziagò dice "Vai piano!" a tutti i tassisti che hanno la fortuna di incontrarla!