venerdì 3 settembre 2010

INTERVISTA ALL'UOMO MEDIO



...più o meno quarantenne, giovanile, sportivo, quasi sempre laureato, si veste bene ma non troppo, sneakers e magliette rockettare, vengono usate insieme a camicie e cravatte, ma sempre con i Jeans, culturalmente impegnato, legge i quotidiani online, segue i blog di viaggi ed i forum di discussione sugli ultimi videogiochi, occupa posizioni di prestigio lavorativo, ha i biglietti da visita in tasca e il palmare sempre acceso...

Premettiamo che sto parlando di un uomo virtuale, non sentitevi presi in causa, (parlo specialmente per quelli che mi conoscono non solo virtualmente), questa ipotetica intervista all'uomo medio, nasce da un esigenza ben precisa, ho ricevuto una mail, tra le tante che di solito mi chiedono consigli su viaggio o espatrio, talvolta sulle curiosità della vita in Cina, questa mi parlava di un tradimento, di un marito espatriato che tradiva la moglie (rimasta in patria) con una cinesina, una coppia con alle spalle diversi anni di matrimonio e dei figli, questa donna mi chiedeva testualmente ….”vorrei capire....vorrei capire perchè la tentazione asiatica è così forte? Cos'hanno più di noi?”...

Ho già scritto a questa signora privatamente, ma mi sono impegnata con lei a scriverci un post che potesse farle capire il perchè,che potesse aprire una discussione, ovviamente non si risolverà tutto qui e probabilmente generalizzeremo, sicuramente non riusciremo a districare la troppa semplicità dell'animo maschile in poche righe, negli ultimi 3 anni ho visto tante coppie miste (qualcuna funziona veramente), più o meno ufficiali, più o meno mercenarie, quindi forse il mio sguardo dall'interno può essere utile a capire, ho immaginato di fare un intervista ad un uomo ipotetico, mettendo insieme le sensazioni, i fatti, le risposte che ho ottenuto infilando una domanda qua e là nel corso di tante conversazioni...
.....
Buongiorno, Signor Uomo Medio.

Ciao...facciamo una cosina veloce che ho diverse mail da leggere, e una riunione nel pomeriggio.

Certo, certo...non ti farò fare tardi, come ti trovi in questo paese?

Bhe...Bhe...mediamente bene, è un paese impegnativo sia dal punto di vista culturale che lavorativo, si fa un po' di fatica a capire le dinamiche quotidiane, ma direi nel complesso molto bene, ci sono molte opportunità di crescita.

Passiamo subito a quello che mi interessa di più, hai una fidanzata?

Una cosa?

Fidanzata...compagna...moglie...

Ho delle amiche...

Scusami avevo dimenticato la voce amica, io con i miei amici non faccio sesso, tu con le tue amiche?

Sesso...sesso...certo ci divertiamo un po'.

Uomo medio, facciamo finta che anch'io sia uomo, parlami chiaro non girarci attorno, NOI DONNE ci siamo rivolte a te per capire qualcosa in più.

Si faccio sesso con le mie amiche....che altro dovrei farci.

Le tue amiche sono cinesi?

Sì...tutte cinesi.

Le paghi?

No io non pago proprio nessuno, vengono con me perché io sono un bell'uomo italiano, simpatico e con una buona posizione economica, le porto fuori a cena, nei locali trendy, ma sicuramente non le pago.

Tante amiche?
 
Un po', qualcuna...

Fai sesso con tutte?

Sì...sì...con chi più con chi meno.

In Italia erano molte le amiche disposte a far sesso con te alternativamente, solo perchè sei un bell'uomo?

In Italia molto meno, che discorsi, qua ci si nota di più, il resto del mondo è piccolino, con i mocassini, gli occhi a mandorla e le polo a righe, noi siamo più belli, e poi siamo più gentili, più attenti, siamo dei buoni amici insomma...

Mi hai detto che non sono mercenarie, che tipo di donne si incontrano normalmente?

Belle ragazze, le asiatiche hanno un fascino esotico, sono sempre sorridenti e accomodanti, 25/30 anni circa, hanno studiato, parlano quasi sempre almeno un po' d'inglese, a volte sono separate qualcuna ha anche dei figli, spesso con una posizione lavorativa di tutto rispetto, magari viaggiano anche molto per lavoro, il più delle volte cercano di stabilire un rapporto duraturo.

Mi hai fatto la descrizione della “Brava Ragazza”...

Ma certo che sono delle brave ragazze, hanno solo un modo di fare diverso dal vostro, cercano l'amore, la famiglia come tutte le donne del mondo, gli stronzi siamo spesso noi, e anche vero che ci sostituiscono facilmente, se le prospettive che offre un altro uomo sono migliori e facile che non le vedi più, magari capiscono che tu vuoi solo un avventura, trovano un altro che offre il matrimonio  ti lasciano senza problemi, ma non mi preoccupo i bar sono pieni di ragazze sole.

Io capisco che uno scapolone come te si diverta in giro con facilità, ma ci sono state famiglie messe in discussione per una scappatella cinese, com'è possibile, cosa hanno le donne dell'ovest che non vi piace più, che vi fa così paura?

Non è che fa paura......abbiamo già un sacco di cose da fare durante il giorno al lavoro e poi c'è la palestra, gli amici, non posso pensare di portare avanti una relazione impegnativa, voi italiane parlate, parlate...volete sapere, dire, conoscere condividere....condividere che parola del cazzo, quando torno dal lavoro non voglio proprio condividere niente, voglio leggermi un giornale, trovare qualcosa di pronto da mangiare e silenzio...magari una che mi faccia le “carezzine” sul divano ma silenziosa, non voglio sapere come sta, e non voglio neanche che lei lo chieda a me, voglio guardare lo sport sul satellite senza che qualcuno proponga di uscire o di guardare un film d'amore.

Ma è tristissimo tutto questo, (meno male che tu non rappresenti tutti gli uomini), è quasi come avere un animale domestico....

Esatto il paragone e proprio questo, siamo lontani da casa e dagli amici di sempre, ci sentiamo profondamente soli, il lavoro, le responsabilità, magari una famiglia in Italia da gestire da lontano, il contesto estraniante.... ma siamo circondati da tante donne che ci vogliono, ci si siedono sulle ginocchia, basta un'occhiata, non hanno paura di dimostrarlo fisicamente sono molto disinibite, non trovo limitante neanche l'ostacolo linguistico anzi, non dobbiamo corteggiare non dobbiamo impegnarci in strazianti scene romantiche, alla fine è un rapporto di scambio, io posso offrirle uno stile di vita  bello, lei mi fa compagnia, proprio come un cucciolo, dopo un po' ti affezioni, è normale...qualcuno anche si sposa....ma normalmente a quel punto si torna in patria, le distanze sono notevoli, la cosa si esaurisce, ma loro avranno vissuto un periodo di “normalità”, magari la prossima volta andrà meglio e qualcuno se la sposa anche...


Rileggendo questa pseudo intervista, mi sono accorta che le dinamiche mentali maschili sono veramente molto semplici, siamo spesso noi che le carichiamo di elevazioni che non hanno e non si sognano di avere, a loro basta veramente poco, è normale che un pò io abbia generalizzato, e che la maggior parte di noi sono sposate con compagni attenti e sensibili, con padri premurosi e presenti, ma credetemi l'uomo mediocremente medio esiste, e sicuramente ce n'è un pezzettino anche nel Vostro splendido compagno.

Non sò se io sia riuscita ad aiutare la Signora  tradita, ma magari possiamo confrontarci qui, il mio potrebbe essere un punto di vista limitato, portatemi le Vostre esperienze e sensazioni.


Qualcuno ha altre domande per l'uomo medio?

 


 

Nessun commento:

Posta un commento