martedì 3 agosto 2010

ENFANT TERRIBLE



Serate estive di frequentazioni con vecchi amici, o sarebbe meglio dire con amici di vecchia data, amici con i quali si sono condivise le scuole superiori ed i conflitti interiori adolescenziali, con i quali ho condiviso i primi problemi amorosi (quelli più complicati..direi).....serate in cui i quasi quarantenni ricordano come settantenni.
Si ricordano le vecchie canzoni, vi dirò di più si è parlato di fratelli Righeira e di Louis Miguel, dei vecchi amori e delle bravate adolescenziali, da queste serate della scrivente viene fuori un quadro veramente pessimo, pare, ma non ve lo do per certo, pare che io madre “integerrima e severissima” in gioventù sia stata un enfant terrible.
Sembra che io abbia partecipato a tutte le manifestazioni studentesche, marciando in prima linea, che si trattasse del Kuwait o delle foche monache faceva poca differenza, pare che io sia stata allontanata dalla canonica durante una seduta di catechismo pre-cresima per aver discusso con il vecchio parroco di Kant, e subito dopo aver telefonato alle missioni per essere mandata in Africa a dimostrare con l'evidenza dei fatti che io potevo esserci come buon essere umano nonostante non avvessi scelto di far parte dell'esercito di Dio, pare che io abbia viaggiato in autostop in lungo ed in largo per il Nostro tranquillo Friuli, pare inoltre che mi innamorassi di ogni causa persa in circolazione negli anni ottanta e che mi infiammassi per ogni piccola ingiustizia, pare che io abbia sempre disprezzato gli allucinogeni sintetici senza però disdegnare quelli naturali.
Pare che io leggessi classici russi e poetesse polacche.
Pare che io non fossi catalogabile in una fazione precisa (cosa piuttosto noiosa negli anni '80), non ero una paninara ma neanche una metallara o una truzza, pare che io sia scappata di casa per andare a vedere il concerto dei Duran Duran a Cava dei Tirreni e che poi non contenta sia andata a Capri per bagnarmi nelle stesse acque in cui si era bagnato Simon.

Cose da non credere....cose da non credere, inoltre la mia sorellina asserisce che io l'abbia fatta volare da un alto armadio con un lenzuolo legato al collo al grido di “...con quello puoi volare, non temere puoi volare...vola”...pare che la sorellina in questione si sia rovinosamente schiantata al suolo.

Così dicono...io non ricordo perfettamente...sapete l'età!

Nessun commento:

Posta un commento