martedì 29 settembre 2009

UN HIPPY AI FORNELLI



Vi aggiorno velocemente...
Il cibo è piaciuto, le rappresentanze importantanti sia cinesi che italiane erano presenti....
Tutti sono rimasti soddisfatti sia del servizio che della qualità...
I nostri collaboratori cinesi hanno dato il meglio di loro per complicarci la vita,
la macchina era piccola per tutto quello che dovevamo trasportare, non molto pulita e parecchio sgarrupata, appena salita lo schienale del mio sedile si è ribaltato sulle mie tortine di frutta distruggendole tutte, fortunatamente quando cucino, cucino in abbandanza.
Avevamo chiesto due cameriere in divisa, ne è arrivata una e con i jeans, ovviamente la Zia Laura non poteva fare tutto da sola, quindi sono dovuta andare anch'io, tutta sporca e sudata, sapendo che lei sarrebbe stata supportata da due cameriere non mi ero neanche portata un cambio di vestiti, mi sono cambiata attingendo al guardaroba Hippy di Laura e mi sono ritrovata con un paio di pantaloni a zampa d'elefante che neanche gli Abba, ma sicuramente molto adatti al nostro mezzo di trasporto e alla mia condizione un pò puzzolente.

Con i miei meravigliosi pantaloni e il mio cibo sono arrivata in uno showroom tirato a lucido, alla porta 10 fantastiche ragazze cinesi altissime e bellissime, pronte ad occogliere gli ospiti sotto un arco di fiori,  i rappresentanti della ditta e del consolato erano rigorosamente in giacca e cravatta,  le signore in lungo, cameramen, fotografi, ballerini di danza classica, suonatori di clavicembalo, cantanti, accompagnatrici, fuochi artificiali che neanche a piedigrotta... ed io con i miei pantaloni a zampa.
Comunque è andata, anche piuttosto bene direi, ho stretto tante mani e fatto numerosi inchini di ringraziamento...posso finalmente andare in ferie, ci sentiamo dalla Thailandia! 

Nessun commento:

Posta un commento