mercoledì 12 agosto 2009

OVUNQUE TU VADA



Non avrei mai pensato di avere nostalgia della Cina e di guardare con tenerezza ogni asiatico che mi passa davanti al supermercato, eppure sta accadendo, mi manca la Cina e la sua confusione e mi mancano i cinesi, so che mi pentirò di queste parole, ma è che mi sento divisa...probabilmente è il Signor Big che mi manca più dei cinesi, o comunque la nostra vita come famiglia, so che comunque lo vedo pochissimo e quel pochissimo lo divido con le telefonate e le mail dei colleghi italiani, ma ho promesso di seguirlo ovunque il suo lavoro lo porterà, nella buona e nella cattiva sorte....
Immaginate un uomo (aziendalista fino al midollo) in pieno monsone che si aggira in un enorme appartamento vuoto in compagnia di un'Ayi...
L'uomo medio pensa che il frigo sia autoriempiente, così come la lavatrice, quindi il Signor Big si è trovato a far fronte ad un emergenza alimentare oltre che igienica (l'Ayi ha il divieto assoluto di caricare la lavatrice), le telefonate su Skype sono strazianti.
"...non ho niente da mangiare...
sono giorni che mangio panini...
le magliette con che programma le lavo?...
la tartaruga quanti gamberetti mangia?...
Ayi devo pagarla?...
dove trovo le lenzuola pulite?...
mi fa male la schiena dove trovo le medicine?
piove da giorni, mi è venuto il raffreddore che medicina prendo?
 è tutto scritto in cinese come faccio a sapere qual'è quella giusta?"
Tutte queste domande trovano ovvie risposte durante le nostre quotidiane telefonate, ma come potete immaginare comincio anche a preoccuparmi per la salute mentale e fisica del mio consorte, ho scoperto chiacchierando che sono giorni che parcheggia la macchina ad un chilometro da casa perchè non si ricorda in che data scadeva il parcheggio, e non vuole rischiare di restare chiuso all'interno dello stesso, e sono giorni che si nutre di panini, e sono giorni che litiga con la mia cara Ayi per la cura della tartaruga di casa (lei la lascia nel suo enorme acquario con poca acqua lui cerca di spiegarle che una tartaruga deve nuotare, cerca di farle capire che non è da brodo ma da compagnia, ma di tartarughe da compagnia l'Ayi non ne aveva mai sentito parlare)...
Non so effettivamente se è proprio nostalgia della Cina ma sento forte la necessità di raggiungere il mio consorte prima possibile per evitargli danni irreversibili e voglio anche salvare la mia Ayi dalle ire furiose di un manager solitario e ipocondriaco ...

Nessun commento:

Posta un commento