giovedì 4 giugno 2009

LA SETTIMANA DELLE FAVOLE



Per la Principessa e per tutti i suoi compagni di scuola questa e' la settimana delle storie. Stanno imparando a riconoscere una favola da una leggenda, una storia da un racconto, il folklore dalla verita' storica.
In questa settimana tutti devono leggere tantissimo, a scuola ma anche a casa, in inglese ma anche nella lingua madre. Ieri pomeriggio le maestre hanno chiesto la collaborazione dei genitori, i quali erano invitati ad andare a scuola a leggere una storia nella propria lingua, il pomeriggio dei bambini doveva essere scandito dall'ascolto di storie in tante lingue diverse.
Questo esperimento mi lasciava in principio un po' perplessa, mi dicevo che probabilmente i bambini si sarebbero annoiati ad ascoltare per piu' di un'ora storie e racconti in una lingua che non comprendevano, ma mi sbagliavo...i bambini sono una forza della natura, ed andrebbero' stimolati incessantemente...
Sono arrivata a scuola un po' intimidita, con il mio librone degli gnomi sottobraccio, ho preparato la  postazione con cuscinoni colorati e mi sono seduta in attesa del mio gruppo di bambini, quando i piccoli sono arrivati mi hanno solo chiesto in che lingua gli avrei raccontato la loro storia... Cominciamo....si cominciamo...
Si sono persi nella mia storia, gnomi, fate e folletti li hanno incantati e rapiti per quasi un ora, non si sono persi una parola anche se probabilmente non capivano quasi nulla di quello che dicevo, potevano solo sbirciare qualche immagine dal libro e lavorare di fantasia.
Il mio stupore, e quello degli insegnati, che avevano gia' fatto questa esperienza l'anno scorso, e' stato scoprire che i bambini capivano quasi tutto il senso della storia, e aiutati da qualche immagine sono in grado di farne anche un breve riassunto.
La storia piu' bella secondo la Principessa...una storia finlandese che parlava di un bambino che mangiava molte patate, ma anche quella giapponese che raccontava di un laghetto con molti pesci d'oro e alberi magici...

Nessun commento:

Posta un commento