domenica 15 febbraio 2009

AMERICAN STYLE



Sabato mattina tutta la famiglia Go si e' recata in preda all'eccitazione nel quartiere dei Flanders, gli americani vivono in ghetti, lontano da tutto e da tutti, una specie di Truman Show consapevole, gli steccati bianchi, i garage con le porte aperte, il portico, la griglia, ragazzini e babbi biondi, mamme Bree bellissime che si guardavano torve fra di loro, bisbigliando a denti stretti con le alleate, per problemi di cani che abbaiano e di ragazzini non troppo educati, ci sara' pur qualche Simpson's anche fra di loro.

Sabato mattina c'era il mercato di S.Valentino, organizzano sempre delle iniziative divertenti, per esempio, aprono le porte dei loro immensi garage e vendono le loro cose usate, e poi allestiscono dei tavolini per la limonata o per le torte fatte in casa, durante Halloween e Natale decorano le case con addobbi meravigliosi, proprio come nei film.
Questa volta ci avevano promesso formaggi, carni e verdure biologiche, ci avevano promesso pane speciale, e biscotti fatti in casa, non ho neanche dormito per l'eccitazione, ma al mercato dei Flanders, non c'era nulla di quello che ci era stato promesso, qualche pallido petto di pollo, della ricotta, e qualche vasetto di mascarpone, delle verdure biologiche, dicono loro, Vi fidereste?... dico io, la Cina non ha tante oasi biologiche, tantomento nella provincia di Shanghai...nulla di nulla delusione e frustrazione.
La Flanders city si trova un po' fuori, non e' molto vicino agli altri compaund e per abitarci devi necessariamente avere un autista a disposizione tutto il giorno, ma non e' che l'aria sia migliore, alzi gli occhi al cielo e sei comunque circondato da alti palazzoni.
E' una fetta d'America, un insieme di casette circa una cinquantina, Mr. Big che si fumava innocentemente una sigaretta ha attirato su di se gli sguardi inferociti delle mamme al parco giochi, lontane da lui almeno 50 metri, con gli americani non si scherza, la sigaretta vai a fumarla a casa tua non vicino ai nostri bimbi, questo si leggeva nei loro occhi, io ho fatto finta di non conoscerlo per non essere borrita da tutta la societa' expat.
Anche gli interni sono da film, scaloni bianchi che si ergono verso il piano superiore, cucine con forni enormi (non dimentichiamoci il giorno del ringraziamento, ci deve stare un tacchino intero), le loro dispense contengono quello che di piu' grasso, poco salutare, e strano possa esistere, io sono stata iniziata, da una simpatica americana un po' in carne, al magico mondo delle caramelle"Mille Gusti", non so' se ci sono anche in Italia, ho assagiato quella ai pop-corn al burro, e anche quella ai marshmallow arrostiti, c'era il caffe', e il punch al rhum, ma la cosa piu' sconvolgente e che esiste anche un gusto vomito, un gusto dentifricio, e un gusto Baby wipes (salviettina umida per bambini), pepe nero ed altre cose inenarrabili che troveretequi.


Nessun commento:

Posta un commento