lunedì 10 novembre 2008

CIABATTE




http://image.blog.livedoor.jp/woopa5008/imgs/c/a/ca265a0d.gif

Quanto può essere piacevole arrivare difronte alla porta di casa togliersi le scarpe, riporle a terra accanto all'uscio ed indossare quelle belle ciabatte cinesi, di seta broccata, lasciando fuori la città, lasciando fuori il caos e la sporcizia, lasciando fuori tutti gli odori sgradevoli e nausenti, entri in casa con le tue ciabattine colorate ed il mondo è di nuovo a tua misura, la mente si calma, lo stress da terribile giornata cinese si allontana, a casa tua nessuno può entrare, una volta chiusa la porta, li guardi tutti dall'alto.
L'altezza cambia la prospettiva, loro sono lontani, tu sei in alto fra le nuvole, nessuno potrà più turbare il tuo equilibrio.L'aria era tersa, il cielo pulito e con le nuvole, volevo regalare ai bambini una giornata di relax, e di divertimento, mi sono lasciata ingannare dal bel tempo, e non ci ho pensato su neanche una volta....
"Bambini si va in downtown, andiamo a cercare qualche regalo di Natale da MeiMei (un negozio dove vendono la seta), vi porto a pranzo fuori, e poi andiamo a giocare a Bowling con i piccoli Expat"....
Il centro era un caos impensabile, migliaia di persone sulla strada pedonale, tutti volevano toccare i bambini, tutti si avvicinavano per guardarci, io ho dovuto difendere i miei figli dalle mani invadenti dei cinesi, e dalle loro insistenti macchine fotografiche .
Il negozio delle sete era pieno di gente, turisti e non, e poi naturalmente appena noi siamo entrati, la strada vi si è riversata dentro, non ho comprato nulla e non so neanche se avrò mai il coraggio di tornare in centro.

Ci siamo rifugiati in uno Starbucks che però non aveva il bagno( ed ai bambini scappa sempre la pipì), abbiamo pranzato per 100 yuan in 4, in un ristorante che aveva visto tempi migliori, forse il McDonalds che suggerivano i bambini poteva essere una valida alternativa, globalizzata ma forse più pulita.
Abbiamo lottato dieci minuti nello smog più feroce, per accaparrarci un taxi che ci portasse al bowling.
Il bowling era talmente vecchio, che ricordava quello di "Happy days", ovviamente non funzionava, ci metteva tantissimo tempo per restituiti la palla e sistemare i birilli, i bambini si sono solo ulteriormente innervositi, una giornata di relax si è trasformata in un BCD...

Solo la vista delle nostre ciabattine colorate è riuscita a tranquillizzarci!
Casa dolce casa, ciabatta cara ciabatta!

Queste sono le ciabattine che i cinesi mettono ai bambini per tenere lontani gli spiriti maligni!


http://www.hometownchina.com/images/shoesmall.jpg

1 commento: