venerdì 19 settembre 2008

AGOPUNTURA



In Cina fa ancora molto caldo, ci si può permettere qualche nuotatina in piscina, visto che i ragazzi sono a scuola, le piscine sono diventate oasi di pace, in cui potersi rilassare facendo quattro chiacchiere.

Mammagolosa ha goduto di questi attimi di pace, la bella acqua limpida, la buona compagnia, e il grande caldo hanno reso il clima ideale per una bella e piacevole nuotata, grandi bracciate, l'hanno condotta da un capo all'altro della piscina, -Bello- pensava, -Che pace- pensava, -C...o cos'è questo dolore tremendo- ha esclamato, con un braccio sospeso a mezz'aria, completamente dimentica della sua subdola periatrite, aveva nuotato senza problemi, l'acqua per un pò l'aveva sostenuta, ma adesso il dolore era molto forte.

Ha cominciato con l'antidolorifico, tutta la notte senza tregua, il braccio non trovava il posto giusto per avere pace, e Mammagolosa che con quel braccio ci vive da sempre, si è rigirata con lui nel grande talamo.

Stamane dopo una notte terribile, ho cercato aiuto tra le Expat, una di loro, che parla cinese, mi ha portato da un agopuntore, come prima cosa mi ha messo in trazione il collo, con una faretto bollente che riscaldava la parte, poi mi ha fatto stendere e mi ha massaggiato pesantemente, collo e spalle, poi è arrivato con un ago, mi sono assicurata che fosse in confezione sterile perchè tutto il resto non lo era affatto, e me l'ha piantato in un braccio, non fa malissimo, ma neanche troppo bene, mi ha lasciato con questo agone nel braccio che io non avevo neanche il coraggio di guardare, per una decina di minuti, poi ha ricominciato a massaggiarmi, e mi ha insegnato alcuni esercizi...non so bene dirvi come è andata, ma ho sicuramente meno dolori, devo tornare da lui a giorni alterni, vedremo se riuscirò a dormire senza medicine...vi aggiorno sull'agopuntura.

Nessun commento:

Posta un commento