giovedì 4 settembre 2008

11 AYI


11 AYI
Le mogli espatriate che accompagnano fino a qui i mariti in carriera, chiacchierano prevalentemente di due argomenti, il primo è la cura del corpo, si dilungano in consigli di centri massaggio, pedicure e manicure, ma questo, in realtà è un argomento che trattano tutte le donne del mondo, ogni cultura a suo modo, ma la cura del corpo per una donna è fondamentale in ogni angolo di questa terra.
Un argomento di cui si può parlare solo in Cina sono le Ayi.
Ayi è la governante, la tata, o anche la donna di servizio, che viene ad aiutarti nei lavori di casa.
L'argomento Ayi riesce a scatenare nelle Expat, gli istinti più bassi, ognuna di loro ha un aneddoto da raccontare, ognuna di loro ne ha cambiate almeno venti.
Le Ayi, sono ragazze o giovani donne che approdano in città dalla campagna in cerca di lavoro, solo questo dovrebbe far capire alle Expat che queste persone molto spesso non hanno mai visto un'occidentale, figurarsi la casa o lo stile di pulizia di un'occidentale, hanno bisogno di essere accompagnate in tutto e per tutto, alla fine diventa una sorta di adozione più che un aiuto, ma loro, le stoiche Expat ci provano comunque fino a rendersi conto che non ci sono speranze.
I percorsi logici dei cinesi sono lontanissimi da quelli di un'occidentale, molte volte fanno giravolte così tortuose che, anche senza l'impedimento della lingua sarebbe difficile comunque capire, quindi quelle che per noi sono cose strane o da non fare, per loro sono normali e viceversa.
Questo pomeriggio ho incontrato una ragazza italiana che vive in Cina da sei anni, e mi ha ovviamente raccontato delle sue 11 Ayi...
...la prima...non si è presentata il primo giorno di lavoro, perché gli si era rotta la bici...
...la seconda...si è persa il bambino al parco...
...la terza...ha portato a casa un bambino diverso, ma con la maglietta dello stesso colore di quello originale...
...la quarta...ha ucciso i pesci rossi con il succo di frutta, ha permesso che il bambino, di un anno, versasse il liquido nella boccia, la cosa gli era sembrata normale e non l'ha fermato...
...la quinta...ha permesso al bambino di colorare tutti i muri di casa con il pennarello, magari in occidente si usa, e poi si divertiva tanto...
...la sesta...si rifiutava di stirare le camicie...ed io questa la capisco...
...la settima...lavava le finestre in mutande...mutandoni in realtà, in Cina fa tanto caldo, ma non sempre è un bello spettacolo...
...l'ottava...si è rifiutata di lavare le tende, non ne capiva il motivo...
...la nona...ogni volta che arrivava lavava tutte le scarpe, che dopo ci mettevano un po' per asciugarsi, e tutti restavano senza scarpe...
...la decima...lavava i vetri solo internamente, per l'esterno voleva un extra...
...l'undicesima...aveva una vita sociale molto movimentata, rispondeva continuamente al telefono e riceveva anche delle visite a casa...

La mia Ayi stamattina non ha fatto i letti, ma forse oggi non era la giornata giusta per farli, pazienza, molta pazienza, e anche un po' di rassegnazione.

Nessun commento:

Posta un commento