sabato 24 maggio 2008

Ospedali



Alle 7.45 la macchina ci aspettava davanti all'albergo per portarci in Ospedale, la mia accompagnatrice una ragazza cinese, che parla perfettamente l'italiano è stata gentilissima a sacrificare il suo sabato mattina, per il mio mal di stomaco.
Come descrivervi l'ospedale, ci vorrebbero le doti di un vero romanziere...immaginate tanta gente...no..ancora di più gente...un pò di più...forse ci siamo...entrando nella sala principale si viene travolti da una miriade di persone,le quali producono una confusione inimaginabile.
Come prima cosa siamo andati a pagare la visita dello specialista con il quale avevamo già preso appuntamento,(ieri), la visita e il libretto sanitario mi sono costate la bellezza di 3,8 yuan, in euro quasi 38 centesimi, caro il mio specialista.
Ci hanno mandato al piano di sopra dove ci sono tante piccole stanzette assolutamente, non asettiche, ma non sporche, se fosse stata un autostazione per esempio sarebbe stata un autostazione pulita, ma per essere un ospedale non voglio dire sporco, ma non asettico, in sala d'attesa, le tantissime persone di cui vi ho accennato sopra, qualcuna delle quali fumava, pare non ci sia il divieto di fumo neanche negli ospedali, aspettavano l'arrivo del proprio medico.
Abbiamo lasciato il mio libretto sanitario insieme a quello delle altre persone che aspettavano quel medico fuori dal suo studio, in ordine di arrivo.
Lo studio è una stanzetta 5x5 con un tavolo grande che fa da scrivania,uno più piccolo con sopra un materassino e un cuscino, non ci sono quei bei rotoli di carta che vengono strappati via ad ogni visita, io sono stata fortunata ero una delle prime della mattina, quindi il lenzuolo era quasi pulito, ma non troppo.
Appena il dottore è arrivato tutta la sala d'attesa si è riversata nello studio,la mia accompagnatrice mi ha detto che è normale, non c'è il concetto di distanza di cortesia in Cina, quindi tutti dentro.
Il dottore visitava o prescriveva esami al paziente di turno e tutti gli altri stavano li a guardare, sono stupefatta dalla promiscuità ingenua di queste persone, solo perchè io ero western ha fatto uscire tutti dallo studio mentre mi visitava, la diagnosi è che probabilmente ho un ulcera, sicuramente non grave, ma voleva a tutti i costi farmi una gastroscopia, ha detto che secondo lui sono molto stressata e disallineata con il mio io e questo si ripercuote sulla pancia che è il centro di tutto, devo prima di tutto rilassarmi, e poi se fra due settimane avrò ancora questo dolore, tornare a fare una gastroscopia, (esperienza che spero di evitare), mi ha dato due settimane di cura, la prima con una medicina tradizionale, uno sciroppone malefico da prendere prima dei pasti, e poi in seguito delle pastiglie di medicina convenzionale...poi si vedrà.
Ha scritto la sua prescrizione sul mio libretto sanitario cinese,(è tutto il giorno che mi vanto con la famiglia golosa...io ho il libretto sanitario cinese e voi no!!!),e ci ha mandato nella farmacia interna all'ospedale dove abbiamo comprato le medicine per due settimane, per un costo di 158yuan, circa 15,8euro.
Vi dirò, che tutto sommato ho visto ospedali del sud Italia peggiori di questo, sono riuscita velocemente ad avere una diagnosi ed una cura, sò che non era una patologia grave, e che con qualcosa di peggio probabilmente non me la sarei cavata così e mi sarei dovuta rivolgere ad un Ospedale per stranieri, le mie impressioni però sono state buone a loro modo hanno un'organizzazione efficace e veloce, non ho visto grandi file o code e la gastroscopia volendo me l'avrebbero fatta oggi stesso, in Italia si aspetta molto di più che un paio d'ore.
Non posso dare giudizi, perchè è stata un'esperienza di poco conto, però non posso dire che le mie impressioni sono negative, se poi la cura funzionerà davvero ve lo farò sapere.
Buon Weekend a tutti. 

Nessun commento:

Posta un commento